Autore Topic: Napoli, la nostra città  (Letto 119631 volte)  Share 

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline kowalski

  • *
  • Registrazione: Feb 2011
  • Post: 4979
  • Località: Naples, Florida
  • Sesso: Maschio
  • None but the brave
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #880 il: 26 Giugno, 2015, 15:20:27 pm »
Lo sai che è indagato insieme a De Luca per una storia di mazzette legate ad appalti?
Se ti riferisci all'Mcm è stato assolto.
A differenza di De Magistris, detto senza nessun accanimento...
Polemico ergo sum

Offline TOTORE-RASTAMAN

  • *
  • Registrazione: Ott 2013
  • Post: 9093
  • Località: Ricottaland
  • Sesso: Maschio
  • Maradona è megl e pelè
    • Vieni a farti un giro nel mio SoundCloud :look:
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #881 il: 26 Giugno, 2015, 15:29:14 pm »
Se ti riferisci all'Mcm è stato assolto.
A differenza di De Magistris, detto senza nessun accanimento...
Mi fa piacere per lui.
Ciò non toglie che, per me, chi sta nello stesso partito dove militano attivamente dei camorristi e che è storicamente sostenuto dalla camorra, è quantomeno uno con un'etica molto debole.

Offline nickwire

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 14344
  • Sesso: Maschio
  • Mitologie sparse
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #882 il: 27 Giugno, 2015, 05:57:45 am »
E qua vedi che sbagli, perché non bisogna fare di ogni erba un fascio (ehm...) e per esempio Lettieri è un imprenditore anche abbastanza capace, ma viene dipinto da De Magistris e i suoi, non si sa in base a cosa, come un semplice camorrista. Semplicemente perché non vota De Magistris. Sono queste le cose che sinceramente mi fanno molto dubitare di questa gente, e sono atteggiamenti da regime se li compie chi ha del potere in mano.
Quelli lì possono essere camorristi (ed è da dimostrare) ma la sinistra, ripeto al di là delle insegne con le quali si presenta di volta in volta, nell'avidità rispetto al potere, alla gestione spesso particolaristica e clientelare della cosa pubblica, nell'applicazione flessibile delle leggi a seconda che riguardino sé o gli altri, per me non è molto meglio.
Ahhhh

Ma allora diccelo: ti piace Claudio Velardi! :asd:

Offline duracell

  • *
  • Registrazione: Ago 2011
  • Post: 5088
  • pochooo pochooo!
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #883 il: 27 Giugno, 2015, 13:26:53 pm »
Se i Napoletani non riconfermano De Magistriis allora davvero deve eslodere il vesuvio e mettere fine a tutto.

Offline kowalski

  • *
  • Registrazione: Feb 2011
  • Post: 4979
  • Località: Naples, Florida
  • Sesso: Maschio
  • None but the brave
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #884 il: 27 Giugno, 2015, 21:34:34 pm »
Ahhhh

Ma allora diccelo: ti piace Claudio Velardi! :asd:
No mamma mia, quello è una testa di cazzo... A me mi piace la gente che a Napoli fa, tipo quelli della Frontiers che da soli, a livello mondiale, hanno assicurato la sopravvivenza del pessimo rock degli anni'80 nel XXI secolo. Farei sindaco uno di quelli, ecco.  :look:
Polemico ergo sum

Offline GeppiGeppi

  • *
  • Registrazione: Ago 2013
  • Post: 17170
  • Hysaj, djale shqiptar.
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #885 il: 27 Giugno, 2015, 21:39:58 pm »


A me mi piace la gente che a Napoli fa

Tipo 4G1

Ndё she ulkun e grekun, vrahj grekun e le ulkun. (Proverbio albanese)
[Se vedi il lupo e il greco, uccidi prima il greco e lascia il lupo.]

Offline TOTORE-RASTAMAN

  • *
  • Registrazione: Ott 2013
  • Post: 9093
  • Località: Ricottaland
  • Sesso: Maschio
  • Maradona è megl e pelè
    • Vieni a farti un giro nel mio SoundCloud :look:
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #886 il: 27 Giugno, 2015, 23:11:13 pm »
No mamma mia, quello è una testa di cazzo... A me mi piace la gente che a Napoli fa, tipo quelli della Frontiers che da soli, a livello mondiale, hanno assicurato la sopravvivenza del pessimo rock degli anni'80 nel XXI secolo. Farei sindaco uno di quelli, ecco.  :look:
Sono amici miei, bravissimi ragazzi ma ti assicuro che non sarebbero per niente adatti.... :asd:

Offline Capetiello

  • *
  • Registrazione: Apr 2015
  • Post: 4914
  • Ogni Capetiello è bello 'a zizza soja! #incognita
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #887 il: 29 Giugno, 2015, 01:31:59 am »
Per inciso mi sono sottratto alla discussione dopo le ultime affermazioni di Kowalski su Lettieri.
Lungi da me emulare gli atteggiamenti di Paolo Brosio, ma ho promesso a me stesso già qualche anno fa che non mi sarei più afferrato sul web con gente del genere. Perché è inutile pure tentare il dialogo con chi pensa e scrive certe cose. Perché saprei solo offendere, demolire moralmente, seppellire sotto un cumulo di fatti comprovati ed argomentazioni che qualunque essere umano degno di questo nome appoggerebbe. Quindi sarebbe inutile. Come chiavare a caveci un povero handicappato in carrozzella.

L'unico invito lo faccio alle persone che non sono informate sull'argomento e hanno letto qui dentro che Lettieri è un imprenditore in gamba. Il web è un bell'aggeggio, andatevi a spulciare qualche articolo, a vedere quali sono le compagnie di Lettieri, chi è lo stesso Lettieri, come quest'ultimo alla scelta Social di De Magistris abbiamo montato anche lui un personaggiuncolo Social che fa finta d'essere vicino ai giovani (e poi affossano luoghi di cultura come il Trianon, appoggiando infrastrutture che provocano dolore e sofferenza come inceneritori e discariche), a vedere i video delle pseudo-manifestazioni in onore di quest'omuncolo, a leggere le testimonianze di quelli che hanno barattato un voto per cinquanta/cento euro, qualche chilo di pasta, un favore nel paesello, un condono e via discorrendo. E po' chiedetevi come fa a mettere la capa sul cuscino certa gente, in primis gente come Beppe Barra e Peppe Lanzetta. Quest'ultimo persona che adoravo e salutavo sempre con enorme piacere, ma che ora a dir poco sputerei in un occhio a rivederlo per strada.

Bonanotte.

Offline Gerardo Petti

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 17737
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #888 il: 06 Luglio, 2015, 10:18:48 am »
la fontana " delle zizze" tornerà a vivere!!!

 :olè:  :cheers:  :olè:
Bale mi fa cagare a spruzzo, è un caprone.

Offline TOTORE-RASTAMAN

  • *
  • Registrazione: Ott 2013
  • Post: 9093
  • Località: Ricottaland
  • Sesso: Maschio
  • Maradona è megl e pelè
    • Vieni a farti un giro nel mio SoundCloud :look:
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #889 il: 14 Luglio, 2015, 22:02:53 pm »
Citazione
Rifiuti campani, maximulta dell’Ue? Mistificazione a danno dello Stato e dei cittadini
di Antonio Marfella | 14 luglio 2015
Tossicologo oncologo, Componente Osservatorio Ambientale indipendente di Acerra


“Supermulta europea ultimo atto. Giovedì la Corte di giustizia di Strasburgo si pronuncerà sul ricorso avviato nei confronti dell’Italia nell’ormai lontano 3 luglio 2008 per l’emergenza rifiuti in Campania. Se deciderà che non sono state adottate tutte le misure necessarie per conformarsi alla sentenza della Corte di giustizia 4 marzo 2010, potrebbe condannare il nostro Paese a pagare una cifra forfettaria di 55 milioni e 256.819,2 al giorno dal momento in cui sarà pronunciata la sentenza fino al giorno in cui la stessa sarà stata eseguita. E considerando che uno dei punti contestati è la gestione delle ecoballe potrebbero passare molti anni prima di uscire dalla procedura. Un bagno di sangue”. Il Mattino 14.7.15

Abbiamo scoperto in questi anni di impegno civile e di studio che, ormai ufficialmente, il 76% del problema rifiuti, in Italia come in Campania, è costituito dai rifiuti speciali, industriali e tossici, e soltanto il 24% dai rifiuti urbani, su cui invece sia la Comunità Europea (e la Corte di Strasburgo) che il governo italiano si concentrano esclusivamente nell’indicare problema e soluzioni.

Pubblicità
La salute dei cittadini campani non è mai stata e non è a rischio per la mala gestione dei rifiuti urbani ma per quella dei rifiuti speciali, industriali e tossici. L’impiantistica carente non è quella per i rifiuti urbani ma quella per i rifiuti speciali, industriali e tossici. In termini di inceneritori, la Campania dal 2009 incenerisce ben il 26 % dei propri rifiuti urbani, rispetto al misero 18 della media nazionale italiana e al 23 della media europea.

En passant, la multa prevista di 265mila euro al giorno è circa pari a quanto incassa di Cip 6 al giorno la A2a per conto dei Comuni di Milano, Bergamo Brescia e Varese, per ‘gestire’ senza sostanziali spese i rifiuti campani nel maxiinceneritore di Acerra, che da solo vale ben 7.5 inceneritori italiani. In termini di percentuale di raccolta differenziata la Campania ha da tempo superato la Toscana in Italia e la Francia in Europa con il 45%.

Come impiantistica, la Campania è gravemente carente nei soli impianti di compostaggio per i quali da anni non comprendiamo la mancata apertura di impianti già pronti come in località San Tammaro e la miope e autolesionistica opposizione di alcuni comitati locali per impianti a norma e piccoli come quelli previsti a Napoli Scampia, necessari per eliminare l’ultimo alibi: la bassa raccolta differenziata del comune di Napoli.

In Campania da tempo operano i Comuni più ricicloni e virtuosi di Italia, come ad esempio il Comune di Frattaminore, in piena Terra dei Fuochi. L’esempio di Frattaminore non è casuale: pur essendo il Comune più virtuoso di Italia per la gestione dei rifiuti urbani, il danno alla salute e il cancro è ingravescente perché non dipende certo dai rifiuti urbani.

Il primo rapporto dell’Arpac sulla Terra dei Fuochi, realizzato al termine di un lavoro di monitoraggio sulla Terra dei Fuochi parla di cifre davvero sconvolgenti, soprattutto se riferite ad un periodo di soli tre mesi. Sono dati raccapriccianti che derivano da più o meno tre mesi di controlli e investigazioni sul territorio; dati che tracciano un quadro davvero preoccupante della situazione nella Terra dei Fuochi. In un arco temporale compreso tra il 13 ottobre e il 15 dicembre 2014, nella Terra dei fuochi in Campania sono stati riportati almeno 2000 abusi ambientali. Nelle province di Napoli, Caserta, Salerno e Avellino sono stati effettuati rispettivamente 387, 235, 71, 54, controlli con annesse conferme di illeciti per quanto concerne lo stoccaggio, lo sversamento e il rogo di rifiuti ordinari, industriali e speciali. Sono state rilevate 780 presenze di rifiuti urbani, ma ben 1168 presenze di rifiuti speciali, industriali e tossici, con 256 presenze di materiali di risulta in amianto.

Perché, invece di effettuare i controlli sulle aziende responsabili dei reati ambientali e dei rifiuti speciali, ci si limita semplicemente a rilevare i danni delle loro attività illecite?
Quali e quante piccolissime, medie e grandi aziende campane ed italiane sversano illegalmente ancora oggi in Campania?

La Campania in base ai dati Ispra mostra un terrificante zero assoluto soltanto negli impianti di corretto trattamento e smaltimento non già dei rifiuti urbani ma dei rifiuti speciali, industriali e tossici, a cominciare dall’amianto, a fronte di una produzione dichiarata regionale di circa 6.6 milioni di tonnellate l’anno di rifiuti speciali, di circa 350 mila tonnellate anno legalmente in ingresso di rifiuti speciali industriali e tossici di altre regioni italiane da riciclare o smaltire in Campania, e di non meno di 2 milioni di tonnellate l’anno stimate di rifiuti industriali prodotti in regime di evasione fiscale e quindi da smaltire illegalmente.

Una cifra comunque bassa se la rapportiamo ai 16 milioni di tonnellate anno di soli rifiuti speciali industriali e tossici del “virtuoso” Veneto. Con una evasione media anche in Veneto del 30 per cento ne consegue una quantità di rifiuti speciali industriali e tossici veneti da smaltire illegalmente (prevalentemente fuori regione!) stimabile non inferiore ai 5 milioni di tonnellate l’anno!

Il 10 dicembre del 2013, riporta il Mattino, la Commissione ha presentato nei confronti dell’Italia un ricorso che contesta al nostro Paese di non aver adottato “per la regione Campania, tutte le misure necessarie per assicurare che i rifiuti (quali rifiuti? Urbani? Ma se sono i rifiuti industriali che ci ammazzano!) siano recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza recare pregiudizio all’ambiente” e, in particolare, di non aver creato “una rete adeguata ed integrata di impianti di smaltimento”. Secondo la Commissione, l’Italia “è venuta meno agli obblighi degli articoli 4 e 5 della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 5 aprile 2006?.

Si tratta della direttiva europea che, per così dire, detta le istruzioni agli Stati sui modi leciti da adottare per smaltire i rifiuti. Ma di quali rifiuti stiamo parlando?
Qui casca l’asino, e per asino sono costretto a intendere sia la Ue che lo Stato italiano che tantissimi comitati ambientalisti che parlano solo di rifiuti urbani e mai e prioritariamente di rifiuti speciali, industriali e tossici. La Campania, ufficialmente, è la prima e forse unica regione europea ‘a rifiuti zero industriali’! Di fatto, non disponiamo di una sola discarica a norma per i rifiuti industriali di qualsiasi tipo, di un solo impianto a norma intraregionale per esempio per smaltire il micidiale amianto (dati Ispra e Osservasalute 2014).

Pertanto, dobbiamo essere premiati in Europa come i migliori per la gestione dei rifiuti speciali con zero discariche e poi condannati come i peggiori per i rifiuti urbani per troppe discariche ?
Il gioco sporco è scoperto! Finché non cessa questa mistificazione del reale problema campano e italiano e cioè il corretto smaltimento e di prossimità non già e non solo dei rifiuti urbani ma innanzitutto e prioritariamente dei rifiuti speciali industriali e tossici, ne consegue, matematicamente ed economicamente, che la Campania regala con i Cip 6 250 mila euro al giorno ai Comuni di Milano, Bergamo, Brescia e Varese per gestire incenerendo i suoi rifiuti urbani e poi paga 250 mila euro al giorno di punizione per gestire i rifiuti speciali industriali e tossici in libera circolazione legale nostri e di tutti quanti gli altri legali importatori extraregionali, magari costruendo qualche altro maxi inceneritore!

Abbiamo mangiato la foglia e compreso che questo gioco sporco ‘dei tre sacchetti’ (rifiuti urbani, rifiuti speciali in libera circolazione legali, rifiuti speciali e tossici in circolazione senza controllo prodotti in regime di evasione fiscale) ha un unico terminale obbligato: il danno alla salute, non solo alla tasche, dei cittadini campani. Siamo furiosi.

Offline Capetiello

  • *
  • Registrazione: Apr 2015
  • Post: 4914
  • Ogni Capetiello è bello 'a zizza soja! #incognita
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #890 il: 19 Agosto, 2015, 18:04:49 pm »


Giggino curioso.

Alemao

Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #891 il: 06 Settembre, 2015, 14:54:29 pm »
È ricominciata la mattanza. :nono:

Offline GeppiGeppi

  • *
  • Registrazione: Ago 2013
  • Post: 17170
  • Hysaj, djale shqiptar.
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #892 il: 06 Settembre, 2015, 17:50:20 pm »
È ricominciata la mattanza. :nono:

Se non prendono provvedimenti sarà un inverno molto lungo.

Ndё she ulkun e grekun, vrahj grekun e le ulkun. (Proverbio albanese)
[Se vedi il lupo e il greco, uccidi prima il greco e lascia il lupo.]

Offline impfed81

  • *
  • Registrazione: Dic 2014
  • Post: 2583
  • Località: Provincia di Lodi
  • Sesso: Maschio
  • Solo la maglia!
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #893 il: 09 Settembre, 2015, 10:00:35 am »
È ricominciata la mattanza. :nono:

ma si è capito se la combattono solo wagliuncell ? 
ma sticazzi del mercato.

Offline TOTORE-RASTAMAN

  • *
  • Registrazione: Ott 2013
  • Post: 9093
  • Località: Ricottaland
  • Sesso: Maschio
  • Maradona è megl e pelè
    • Vieni a farti un giro nel mio SoundCloud :look:
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #894 il: 09 Settembre, 2015, 17:41:32 pm »
ma si è capito se la combattono solo wagliuncell ?
Quando avevo 12 anni, per uno scambio di paccheri sul campetto sotto casa mia di allora, iniziò una faida tra una famiglia dei quartieri e una della sanità che è durata 15 anni....

Offline impfed81

  • *
  • Registrazione: Dic 2014
  • Post: 2583
  • Località: Provincia di Lodi
  • Sesso: Maschio
  • Solo la maglia!
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #895 il: 10 Settembre, 2015, 11:54:34 am »
Quando avevo 12 anni, per uno scambio di paccheri sul campetto sotto casa mia di allora, iniziò una faida tra una famiglia dei quartieri e una della sanità che è durata 15 anni....

azz , intendevo se è vero che i nuovi " imprenditori"  :look: sono tutti sotto i vent'anni come ho sentito recentemente da un amico al mare
ma sticazzi del mercato.

Offline Artem Dzyuba

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 27182
  • Località: Napoli
  • Sesso: Maschio
  • DEVI VINCERE!
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #896 il: 10 Settembre, 2015, 20:45:11 pm »
Durerà un altro mese al massimo. Saviano è un essere spregevole e ridicolo.
Adda venì Baffone!

Offline GeppiGeppi

  • *
  • Registrazione: Ago 2013
  • Post: 17170
  • Hysaj, djale shqiptar.
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #897 il: 10 Settembre, 2015, 20:55:50 pm »
Durerà un altro mese al massimo. Saviano è un essere spregevole e ridicolo.

Purtroppo, Saviano è tabù. Mannaggia la propaganda dell'antimafia va.

Ndё she ulkun e grekun, vrahj grekun e le ulkun. (Proverbio albanese)
[Se vedi il lupo e il greco, uccidi prima il greco e lascia il lupo.]

Offline Vino a Tavola

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 17662
  • Sesso: Maschio
  • Il Napoli ha attaccato brutto
    • www.parissangennar.com
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #898 il: 10 Settembre, 2015, 20:58:54 pm »
Durerà un altro mese al massimo. Saviano è un essere spregevole e ridicolo.
ma fosse solo questa la faida... a Napoli est si spara da mesi e mesi

a parte questo, è ormai da tempo che Saviano mi ha deluso per altri tipi di fatti... pure quando s'attacca col sindaco (che pure ha palesato diversi limiti ed è stato anche lui deludente), tendo sempre a parteggiare Giggino

Offline F&M

  • *
  • Registrazione: Ott 2014
  • Post: 3761
Napoli, la nostra città
« Risposta #899 il: 10 Settembre, 2015, 21:00:49 pm »
Ma mo si a napul sta a sfaccimm ra gente foss colpa e saviano?
Anche a me non piace come ragiona e peggio come scrive ma ce ne fossero di saviano jammm
Ammesurammec a pall