Autore Topic: "Ho cambiato idea sull'Italia"  (Letto 1838 volte)  Share 

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline bart

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 18141
  • Sesso: Maschio
"Ho cambiato idea sull'Italia"
« il: 29 Dicembre, 2009, 14:59:01 pm »
Ho cambiato idea sull’Italia

Martin Kettle è uno scrittore e giornalista politico britannico che spesso si è occupato del nostro paese attraverso scritti e corrispondenze. La vigilia di Natale è apparso sulla versione online del Guardian un suo articolo dal significativo titolo I’ve changed my mind about Italy. Lo riportiamo nella traduzione italiana curata da ItaliaDallEstero.
«La mia storia d’amore con l’Italia è finita. L’idillio non c’è più. Ora vedo il Paese per quello che è veramente : razzista, di destra e corrotto.
Mi sono chiesto a lungo come iniziare questo articolo che spiega come mai ho cambiato idea sull’Italia, come mai nel corso dell’ultimo decennio il mio sdegno sia cresciuto sempre di più nei confronti di un paese e di una cultura che prima mi deliziavano così tanto, e come mai adesso non m’importa quasi per niente se un giorno tornerò a mettere piede su quella terra. Ma non avrei dovuto preoccuparmi, un articolo pubblicato dal Guardian mi ha dato lo spunto.
Il reportage di John Hooper su Coccaglio, paese vicino Brescia, raccoglie la maggior parte di quello che non va nell’Italia moderna in un pacco natalizio, confezionato con carta regalo molto particolare e chiuso con un meraviglioso fiocco come solo gli italiani sanno fare. Hooper ci racconta come il Natale a Coccaglio sia segnato da una ricerca condotta casa per casa per scovare immigrati irregolari (ovvero neri). La retata, promossa dal consiglio comunale locale controllato dalla Lega Nord, è stata ufficialmente denominata Operazione Bianco Natale e finirà , oh oh oh, il 25 dicembre. Un consigliere di Coccaglio ha dichiarato che il Natale è una festa dell’identità  cristiana, non una celebrazione dell’ospitalità . L’intera operazione è stata salutata e appoggiata dal governo di Silvio Berlusconi.
Essendo un europeo del nord, sono cresciuto con la propensione nordeuropea a innamorarsi dell’Italia, un paese dove c’è tepore al posto di freddo, luce al posto di buio, estroversione al posto di introversione, passione al posto di repressione. Visitare l’Italia, come ho fatto per un bel po’ di anni della mia vita, voleva dire entrare nel mondo dei sensi, in un posto dove il cuore ha la meglio sul cervello, dove la bellezza prende il posto della bruttezza e dove la naturalezza sciolta e tollerante rimpiazza la severità  abbottonata del mondo protestante. Col passare degli anni mi sono interessato alla lingua, all’arte, alla storia e ovviamente anche all’opera e alle donne. Sono rimasto affascinato anche dalla politica. La sinistra italiana sembrava possedere un modo tutto suo, colto e acuto allo stesso tempo, di vedere il mondo e il proprio Paese. Era una combinazione accattivante di socialismo e stile. Mi pareva che a Bologna avessero inventato la città  moderna perfetta, combinando dinamismo intellettuale, un’amministrazione locale straordinaria e alcuni esempi della cucina migliore d’Europa. Come tanti altri della mia generazione, mi sono bevuto tutto quanto e mi chiedevo come mai noi inglesi non potessimo somigliare un po’ di più agli italiani.
Ma questo era tanto tempo fa. Adesso vedo le cose in maniera diversa. Sarebbe facile scaricare tutta la colpa su Berlusconi, sulla sua personalità  grottesca, sulla sua corruzione, sulla sua mancanza di vergogna e sul suo razzismo , e fino ad un certo punto, certamente, lo faccio. Ciò che George W. Bush ha fatto per la reputazione mondiale degli Stati Uniti, Berlusconi l’ha fatto per la reputazione dell’Italia. Tuttavia, c’è una grossa differenza: l’ascesa di Bush ha reso possibile l’ascesa correttiva finale di Barack Obama. In maniera opposta, l’ascesa di Berlusconi sembra autoalimentarsi e sembra portare l’Italia sempre di più verso una politica controllata e dominata dai media. A volte ho paura che questo sia il nostro futuro anche nel Regno Unito se non staremo attenti. Il mio quiz natalizio per i lettori è questo: chi potrebbe essere il Berlusconi britannico?
Torniamo in Italia. Quando gli osservatori inglesi guardavano gli Stati Uniti un decennio fa e si chiedevano come avessero fatto ad eleggere qualcuno come Bush, c’era almeno una chiara risposta psefologica alla loro domanda (la quale non era semplicemente la risposta ovvia che nel 2000 non l’avessero eletto). Gli americani hanno scelto Bush due volte perché gli elettori americani, soprattutto i maschi bianchi, sono tendenzialmente, sia culturalmente sia politicamente, più a destra dei votanti maschi e bianchi nella maggior parte d’Europa.
Ci dobbiamo porre una domanda simile sugli italiani. Come hanno potuto eleggere Berlusconi, farlo una seconda volta e poi una terza? L’hanno fatto, sospetto, per le stesse ragioni psefologiche degli americani che hanno scelto Bush. Ripercorrendo gli ultimi 150 anni di storia italiana possiamo notare lunghi periodi di governo della destra, seguiti da un breve periodo di catastrofi e, successivamente, una riconferma della destra. L’Italia non è mai stata quel paradiso liberale di cui si illudono qualche volta i progressisti europei. In realtà  è un Paese in cui c’è una maggioranza di destra. àˆ molto più corrotto, depravato, razzista e anarchico di quanto i turisti di classe media, pieni di fantasie ispirate da EM Forster e che vedono solo quello che vogliono vedere, possano immaginare. Coccaglio non è un mero  correttivo di tutto questo. L’Italia è così. Dimenticate l’Italia di Dante. Dimenticate l’Italia di Verdi. Dimenticate l’Italia delle vostre fantasie. Benvenuti nell’Italia che definisce una retata contro gli immigrati ‘Operazione Bianco Natale’, nell’Italia che dichiara che il Presidente degli Stati Uniti ha una bella tintarella, la stessa Italia che poi si mette anche a ridacchiare di queste cose.»

http://minitrue.it/12/2009/ho-cambiato-idea-sullitalia/

niente di nuovo purtroppo... razzisti, ignoranti e stupidi, ecco come all'estero vedono gli italiani.

@ Nesquik: questo articolo l'ho trovato su facebook... sei ancora convinto che sia una piattaforma bimbominkia? :visionario:

Offline Piskyno89

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 13504
  • Località: Napoli
  • Sesso: Maschio
  • Ma il cielo è sempre più noir!
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #1 il: 29 Dicembre, 2009, 15:46:16 pm »
nulla che non si sapeva già ...

ma ovviamente queste cose verranno dette e diffuse in italia xké c'è la libertà  di stampa.  :sisi:

Offline Gabbie

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 39838
  • Sesso: Femmina
  • Che vita di merda.
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #2 il: 29 Dicembre, 2009, 15:59:51 pm »
Se vabbè, sinceramente certe cose possiamo permetterci di dirle noi che in questa merda ci viviamo, che venga un giornalistucolo inglese con la puzza sotto il naso a generalizzare su un paese intero adducendo argomentazioni debolissime appena cerca di andare oltre al Berlusconismo (che è in realtà  il vero bersaglio dell'articolo) mi fa veramente :zzz:

E in tutto ciò qualcuno dovrebbe spiegare a questo signore che l'ascesa di Barak Obama appare a tutti noi correttiva solo perchè l'America non poteva proprio cadere più in basso di Bush, ma non mi sembra che finora abbiamo molti elementi per entusiasmarci.
Un fatto che mi ha costretto a chiamare Gabriella alle undici dell'altro ieri.
Chi è la persona per cui le hai chiesto di praticare un maleficio e perché.

Offline Lovercraft

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 13507
  • Località: Canterbury - Kent
  • Sesso: Maschio
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #3 il: 29 Dicembre, 2009, 16:12:20 pm »
Se vabbè, sinceramente certe cose possiamo permetterci di dirle noi che in questa merda ci viviamo, che venga un giornalistucolo inglese con la puzza sotto il naso a generalizzare su un paese intero adducendo argomentazioni debolissime appena cerca di andare oltre al Berlusconismo (che è in realtà  il vero bersaglio dell'articolo) mi fa veramente :zzz:

E in tutto ciò qualcuno dovrebbe spiegare a questo signore che l'ascesa di Barak Obama appare a tutti noi correttiva solo perchè l'America non poteva proprio cadere più in basso di Bush, ma non mi sembra che finora abbiamo molti elementi per entusiasmarci.

 :sisi:
It's watermelón... INSIDE OF WATERMELÒN!


Offline kurz

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 19015
  • Sesso: Maschio
  • IO HO PAGATO E NUN ME FANNO ENTRÀ
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #4 il: 29 Dicembre, 2009, 16:17:09 pm »
Ma quanto è intelligente gabbie :look:

ovvio che quoto  :sisi:
gesucrì

Offline Jena Plissken

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 21950
  • Sesso: Maschio
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #5 il: 29 Dicembre, 2009, 16:35:47 pm »
Se vabbè, sinceramente certe cose possiamo permetterci di dirle noi che in questa merda ci viviamo
Quoto

Offline wendell

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 35342
  • Sesso: Maschio
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #6 il: 29 Dicembre, 2009, 16:38:43 pm »
Ovviamente manco uno che quoti il piscione.
Sudditanza psicologica :contract:
ho cercato di capire cosa sei.....terrificante.

Offline Gabbie

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 39838
  • Sesso: Femmina
  • Che vita di merda.
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #7 il: 29 Dicembre, 2009, 16:50:11 pm »
Ma quanto è intelligente gabbie :look:

Devo impedire a Farmville di pubblicare aggiornamenti sulla mia bacheca, credo che la cosa non deponga a mio favore :omg:

Ovviamente manco uno che quoti il piscione.
Sudditanza psicologica :contract:

Quotalo tu, contiamoci :appizz: :look:
Un fatto che mi ha costretto a chiamare Gabriella alle undici dell'altro ieri.
Chi è la persona per cui le hai chiesto di praticare un maleficio e perché.

Offline wendell

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 35342
  • Sesso: Maschio
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #8 il: 29 Dicembre, 2009, 16:55:07 pm »
P'ammor e dio, pure io sono d'accordo con te ma sono convinto che se le persone che sono intervenute non avessero letto il tuo intervento avrebbero esposto alti pensieri.

Come al solito, povero Alberto :fuga:
ho cercato di capire cosa sei.....terrificante.

Offline kurz

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 19015
  • Sesso: Maschio
  • IO HO PAGATO E NUN ME FANNO ENTRÀ
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #9 il: 29 Dicembre, 2009, 17:02:39 pm »
assolutamente no, parlo per me io vedo berlusconi come un utile buffone del vecchio imperialismo occidentale, non ho mai esultato agli articoli della stampa estera su di lui, anzi ho detto più volte che per me lo volevano far saltare poteri pure più forti che vengono ovviamente dalle city economiche dove comandano sul serio tutto.

Gli accordi economici con la Russia devono zombare altrimenti il nano per me la legislatura manco la finisce, gli incontri con Obama sono tutto fuorchè amichevoli, e non perchè Obama sia il salvatore come tutti pensano, ma le lobby che ci sono dietro non sono le stesse della vecchia amministrazione Bush.

Io dietro gli articoli della stampa inglese e americana ci vedo sempre qualcosa dietro, tutto questo è strumentale ad un cambio di governo a loro favore, aspettatevi di vedere un bel tipaccio di confindustria, chessò Draghi o Montezemolo a guida del paese con largo consenso parlamentare e questa merda qui.


Ah e tanto per essere chiari per me l'Italia è un paese di merda ed è in putrefazione già  da un bel po' .
gesucrì

Offline Piskyno89

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 13504
  • Località: Napoli
  • Sesso: Maschio
  • Ma il cielo è sempre più noir!
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #10 il: 29 Dicembre, 2009, 17:37:28 pm »
non sono assolutamente d'accordo. almeno la gran bretagna fa finta di essere quel paese tutto rose e fiori che tutti si aspettano che sia. Quando ha un tipo di polizia abbastanza fascista [nei modi di fare, intendiamoci], in cui per ogni minima entrata in un locale ti sorvegliano e ti mettono le mani anche nelle mutande per controllare se hai coltelli e quant'altro, dove nn puoi entrare di notte con un cappello in un supermercato o cose così.
ma che almeno il mondo si cominci a fare un'idea del paese di merda in cui viviamo, anche se viene da un tipico inglese che avrà  la puzza sotto il naso, col suo stile british e con la tipica mentalità  vittoriana de "l'importante sono le apparenze", allora io credo che sia giusto accettare la critica. Alla fine viene da un abitante di un paese che apre al diverso e dove la notte sei sicuro di camminare per strada.

il problema di fondo che non viene analizzato dall'articolo non è il fatto che viene votato berlusconi xké è il leader di un paese a maggioranza di destra, ma che, imho, vi è un'ala razzista nella destra corrispondente al nome della Lega che purtroppo si sta estendendo anche al resto del paese, grazie al controllo che quel partito ha su questa o quella cosa.
Basti pensare che Berluska, se non si fosse alleato con la Lega, ad oggi sarebbe il Leader dell'Opposizione oppure a scrivere le sue memorie in un qualche carcere milanese.

A tal proposito, basta vedere la prima pagine de Il Giornale di oggi. L'ho vista stanotte in tv, ho dovuto cambiare canale per lo skifo. :wall: :wall:
« Ultima modifica: 29 Dicembre, 2009, 17:39:38 pm da Piskyno89 »

Offline djcarmine

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 39235
  • DIABLO VIVE
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #11 il: 29 Dicembre, 2009, 17:57:49 pm »
Essendo un europeo del nord, sono cresciuto con la propensione nordeuropea a innamorarsi dell’Italia, un paese dove c’è tepore al posto di freddo, luce al posto di buio, estroversione al posto di introversione, passione al posto di repressione"

ma pezzo di mongoloide....questa non è l'italia!!!
ed io mi sentii in quel momento come una prostituta sverginata dai suoi aguzzini

C. Pazzo 
Noi vinciamo in quanto esistiamo. Vinciamo quando siamo in 60.000 per Napoli-Cittadella e quando ci ricordiamo di Esteban Lopez o di Picchio Varricchio. Vinciamo odiando le strisciate e vivendo in funzione di questa maglia. Vinciamo andando con un paio di amici allo stadio e non guardando la partita in casa da soli in un salotto di Reggio Calabria. Vinciamo quando siamo migliaia ad ogni trasferta, vinciamo quando uno juventino nella nostra città viene additato come essere anormale e malato di scabbia

Offline bart

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 18141
  • Sesso: Maschio
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #12 il: 29 Dicembre, 2009, 17:58:11 pm »
io quoto alberto, afammocc :look:

non posso che provare disprezzo per delle persone che definiscono una retata contro gli immigrati ‘Operazione Bianco Natale’ (persone che vengono appoggiate da una buona percentuale di italiani, mica quattro gatti) quindi me ne frego se a parlar male del nostro paese è un inglese con la puzza sotto il naso o qualsiasi altro che abbia un minimo di cognizione di causa per farlo, e se poi quell'articolo è un velato (ma neanche tanto) attacco al berlusconismo la cosa non può che farmi ancora più piacere :look:.

...

aggiungo che, come direbbe il grande Frankie Mercury (cit.)... God save the Queen :compagni:

Online Vino a Tavola

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 16402
  • Sesso: Maschio
  • Il Napoli ha attaccato brutto
    • www.parissangennar.com
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #13 il: 29 Dicembre, 2009, 18:37:23 pm »
bravo pisciò  :patt:

all'inviato si può solo dire che ha ragione e che meritiamo le sue parole. Se poi dà  fastidio essere ripresi da uno straniero si è liberi anche far finta di niente e girare la testa altrove. Le colpe appartengono anche ad ognuno di noi, ed evidentemente  ammetterlo brucia.




Offline bart

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 18141
  • Sesso: Maschio
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #14 il: 29 Dicembre, 2009, 18:40:43 pm »
bravo pisciò  :patt:

all'inviato si può solo dire che ha ragione e che meritiamo le sue parole. Se poi dà  fastidio essere ripresi da uno straniero si è liberi anche far finta di niente e girare la testa altrove. Le colpe appartengono anche ad ognuno di noi, ed evidentemente  ammetterlo brucia.
:yeeh:


alla faccia tua cavà  :look:

Online Vino a Tavola

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 16402
  • Sesso: Maschio
  • Il Napoli ha attaccato brutto
    • www.parissangennar.com
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #15 il: 29 Dicembre, 2009, 18:42:59 pm »

il problema di fondo che non viene analizzato dall'articolo non è il fatto che viene votato berlusconi xké è il leader di un paese a maggioranza di destra, ma che, imho, vi è un'ala razzista nella destra corrispondente al nome della Lega che purtroppo si sta estendendo anche al resto del paese, grazie al controllo che quel partito ha su questa o quella cosa.

al reporter andrebbe anche spiegato che esistono diversi tipi di destra italiana... quella fascista (della lega) quella monarchica (viv o rrè Silvio) e quella pagnottista (trasversale alle ideologie e alle classi).

Anche in virtù di questo apprezzo molto il tentativo dei giovani finiani di farefuturo di costruire finalmente una destra democratica... e ve lo dico io che ho votato sempre e solo il simbolo della falce e del martello

Offline Gabbie

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 39838
  • Sesso: Femmina
  • Che vita di merda.
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #16 il: 30 Dicembre, 2009, 00:22:12 am »
Cmq il problema non è il fatto che la critica arrivi da "uno straniero", non sono animata da cotanto spirito patriottico. La critica è senza dubbio legittima e può essere anche salutare e costruttiva, soprattutto quando viene da un occhio esterno e magari più obiettivo nel giudicare alcune vicende. Il problema è il taglio dell'articolo, che contribuisce a rendere il contenuto ancora più pretestuoso. Se il tizio ci voleva ricordare che il Berlusconismo è una tossina che ci avvelena da 30 anni avrebbe fatto meglio a dirlo così, sarebbe stato più onesto intellettualmente. Usa in modo strumentale l'episodio dell'Operazione Bianco Natale per arrivare alla conclusione che l'Italia dei santi dei poeti e dei navigatori è finita è che ora siamo tutti brutti, sporchi, cattivi, e forse pure un pò fascisti, come il nostro premier e i suoi alleati. Ma se lui ha la testa imbottita di stereotipi non è un problema nostro, soprattutto perchè l'Italia è sempre stata anche quella della coppola e della lupara. L'impressione è che ci sia anche un malcelato intento di gettare lunghe ombre sul futuro della Gran Bretagna (Il mio quiz natalizio per i lettori è questo: chi potrebbe essere il Berlusconi britannico? :zzz:) servendosi dell'esempio italiano, cercando però di arricchire l'attacco di motivazioni più profonde che alla fin fine non vengono espresse. Quando avrà  argomentazioni più convincenti ce lo può fare sapere, nel frattempo l'opinione di uno che pensa che Obama è bello e bravo perchè è nero e ha vinto il Nobel della pace più farlocco della storia non mi interessa (e io in Obama ci credo ancora, eh).
Un fatto che mi ha costretto a chiamare Gabriella alle undici dell'altro ieri.
Chi è la persona per cui le hai chiesto di praticare un maleficio e perché.

Offline bart

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 18141
  • Sesso: Maschio
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #17 il: 30 Dicembre, 2009, 01:11:16 am »
Usa in modo strumentale l'episodio dell'Operazione Bianco Natale per arrivare alla conclusione che l'Italia dei santi dei poeti e dei navigatori è finita è che ora siamo tutti brutti, sporchi, cattivi, e forse pure un pò fascisti, come il nostro premier e i suoi alleati.
Gabriè il giornalista è un inviato fisso in Italia, sai quante ne avrà  viste di schifezze come quelle? io quando leggo o sento al tg delle iniziative di quei primati che ci vergognano penso sempre la stessa cosa: "ma in che schifo di Paese vivo?", figuriamoci cosa penserà  lui che viene da un Paese anni luce più civile e avanzato del nostro... se ritieni l'attacco giusto e il pretesto sbagliato credo che di pretesti il giornalista possa trovarne quanti ne vuole, ha solo l'imbarazzo della scelta :asd:
se invece ritieni l'attacco sbagliato non ci troveremo mai d'accordo, chiunque offenda questo paesuncolo malato, vecchio e corrotto ha tutta la mia stima e la mia approvazione :look:

Online Vino a Tavola

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 16402
  • Sesso: Maschio
  • Il Napoli ha attaccato brutto
    • www.parissangennar.com
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #18 il: 30 Dicembre, 2009, 01:41:34 am »
Cmq il problema non è il fatto che la critica arrivi da "uno straniero", non sono animata da cotanto spirito patriottico. La critica è senza dubbio legittima e può essere anche salutare e costruttiva, soprattutto quando viene da un occhio esterno e magari più obiettivo nel giudicare alcune vicende. Il problema è il taglio dell'articolo, che contribuisce a rendere il contenuto ancora più pretestuoso. Se il tizio ci voleva ricordare che il Berlusconismo è una tossina che ci avvelena da 30 anni avrebbe fatto meglio a dirlo così, sarebbe stato più onesto intellettualmente. Usa in modo strumentale l'episodio dell'Operazione Bianco Natale per arrivare alla conclusione che l'Italia dei santi dei poeti e dei navigatori è finita è che ora siamo tutti brutti, sporchi, cattivi, e forse pure un pò fascisti, come il nostro premier e i suoi alleati. Ma se lui ha la testa imbottita di stereotipi non è un problema nostro, soprattutto perchè l'Italia è sempre stata anche quella della coppola e della lupara. L'impressione è che ci sia anche un malcelato intento di gettare lunghe ombre sul futuro della Gran Bretagna (Il mio quiz natalizio per i lettori è questo: chi potrebbe essere il Berlusconi britannico? :zzz:) servendosi dell'esempio italiano, cercando però di arricchire l'attacco di motivazioni più profonde che alla fin fine non vengono espresse. Quando avrà  argomentazioni più convincenti ce lo può fare sapere, nel frattempo l'opinione di uno che pensa che Obama è bello e bravo perchè è nero e ha vinto il Nobel della pace più farlocco della storia non mi interessa (e io in Obama ci credo ancora, eh).

vabbè pur'io in verità  dovevo spiegarmi meglio... volevo dire che si sottovaluta la portata della cosa.
quando mai s'è sentito che un inviato che sta fisso in un paese alla fine dice certe cose del paese in cui sta?... ha detto che lo amava e poi lo ha schifato. rendiamoci conto!

può non piacere come le ha dette le cose (personalmente ho sorriso per lo stile e per la velata ingenuità ), ma rimangono parole pesanti.

e come dicevo a peppe, cambierebbe poco se il giornalista sia stato al nord dove vede certe cose o al sud. anche noi siamo peggiorati... in città  ci sono più "guappi" in giro rispetto a prima, spesso o sempre violenti, per dirne una. e poi ci sono sempre meno opportunità , pensa che quasi tutti i laureati del forum stanno fuori... considera i 10000 utenti di tn, un campione mica male.

per quel che mi riguarda il succo del discorso è che è sempre sbagliato fare orecchie da mercante, perchè per uscire dal disagio, il disagio va raccontato. va fatto veicolare, gli va dato ossigeno, e non storcere il naso. bisogna far nascere nelle persone il desiderio di dire BASTA

è anche un augurio per l'anno nuovo. Buon Anno a tutti , non so se mi ricollego in questi giorni. e buonanotte  :patt:
« Ultima modifica: 30 Dicembre, 2009, 01:45:04 am da Nyquist80 »

Offline CiruZZo

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 1152
  • il baco del calo del malo
Re:"Ho cambiato idea sull'Italia"
« Risposta #19 il: 30 Dicembre, 2009, 14:59:29 pm »
Comunque questo è un articolo destinato gli inglesi,è chiaro che a noi risulti stupido ai limiti del ridicolo,tanto più che il giornalista esagera certi punti per supportare ciò che scrive("L’Italia non è mai stata quel paradiso liberale di cui si illudono qualche volta i progressisti europei".... :pariamm:),e i riferimenti  a Dante e a Verdi poi  :rotfl:
ma al di là  di questo non riesce a cogliere il punto io credo,non è vero che gli italiani siano più razzisti dei francesi o degli inglesi,il problema è che il sistema di informazione e la classe dirigente esasperano ogni questione sociale senza tentare di risolverla,perchè in Italia si campa di propaganda.L'anomalia sta nel fatto che la gente non è in grado più di giudicare ciò che chi la governa fa perchè è privata degli strumenti di indagine e controllo di più immediata diffusione e perciò più efficaci.Lo stesso parallalismo con Bush,io credo,non ha molto senso(ma ovviamente sto esprimendo sempre le mie opinioni mica sn un giornalista)
Bush è rimasto Bush per tutta la sua presidenza,esprimendo i sentimenti dell'America più conservatrice e ultra religiosa...
Berlusconi si pone di volta in volta come politico nuovo,ciò che può fare privando la gente attraverso il controllo dei sistemi di informazione della memoria a corto raggio