Autore Topic: Napoli, la nostra città  (Letto 88677 volte)  Share 

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline cavallopazzo

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 37321
  • Località: petit paris
  • Sesso: Maschio
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #180 il: 10 Aprile, 2013, 14:09:31 pm »
È impossibile con questa ztl non se ne può più!

Starfred

Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #181 il: 10 Aprile, 2013, 14:13:57 pm »


che vergogna infinita.
« Ultima modifica: 10 Aprile, 2013, 14:18:45 pm da Starfred »

Offline Neapolis84

  • *
  • Registrazione: Ago 2011
  • Post: 2768
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #182 il: 10 Aprile, 2013, 14:17:51 pm »
per me è sbagliato il perchè si protesta. La ZTL va salvaguardata, per me è un'ottima cosa. La protesta dovrebbe avvenire per il contorno, per il servizio di trasporto pubblico pressochè nullo.

I commercianti si lamentano che non lavorano: balla clamorosa...e sostenere sta cosa significa non andarsi a fare un giro a Napoli da 2 anni. Quelle zone sono piene...PIENE.

Il problema è che arrivare in quelle zone è diventata un'impresa, certo è che se uno vuole andare a Via Caracciolo e va truann e parchiggià fuori il Castel dell'Ovo...vafancul, ve lo meritate pure.

Per me (e sottolineo PER ME) la verità sta nel mezzo. La ZTL, le aree interamente pedonali, sono delle gran cose, cose che hanno TUTTE le grandi città Europee, cose che esaltiamo quando andiamo fuori. Il problema è che a queste misure si deve affiancare un grande, GRANDISSIMO servizio di trasporti pubblici, cosa che oggi il Comune non può permettersi perchè le casse del Comune e della Regione sono paurosamente vuote.

Il problema, sempre per me, è e sarà sempre la mentalità. Anche se avessimo un grande servizio di trasporti pubblici, comunque ci si lamenterebbe, perchè la mentalità nostra è che dobbiamo arrivare con la macchina fin fuori al negozio-ristorante che ci serve e se non troviamo posto nel giro di 50 metri, vafancul, parcheggio in seconda fila.

Offline Genny Fenny

  • *
  • Registrazione: Apr 2011
  • Post: 21965
  • Voglia di Partenope
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #183 il: 10 Aprile, 2013, 14:40:23 pm »
Basterebbe deputare delle aree strategiche a parcheggi a pagamento e sperimentare l'utilizzo del "crafty parking", letteralmente parcheggio astuto.

falceEmarcello

Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #184 il: 10 Aprile, 2013, 14:44:03 pm »
Il problema e' che napoli puo' essere considerata una metropoli alla stregua di Mumbai, Rio, el cairo o citta' del messico, siamo noi che "stupidamente" la vogliamo confrontare con Londra, roma, parigi e quant'altro

Offline Neapolis84

  • *
  • Registrazione: Ago 2011
  • Post: 2768
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #185 il: 10 Aprile, 2013, 14:46:53 pm »
Il problema e' che napoli puo' essere considerata una metropoli alla stregua di Mumbai, Rio, el cairo o citta' del messico, siamo noi che "stupidamente" la vogliamo confrontare con Londra, roma, parigi e quant'altro
per quale motivo, scusa?

falceEmarcello

Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #186 il: 10 Aprile, 2013, 14:51:08 pm »
per quale motivo, scusa?
E te lo devo dire pure ?
Il completo abbandono da parte delle istituzioni, la decandenza delle infrastrutture, la mentalita' di certa gente, il fatto che intere famiglie si scetano la mattina e si devono letteralmente "abbuscare" la giornata, il sistema che si sostituisce allo stato ... e tutti (noi compresi) che fanno finta di non vedere

Offline kurz

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 19015
  • Sesso: Maschio
  • IO HO PAGATO E NUN ME FANNO ENTRÀ
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #187 il: 10 Aprile, 2013, 14:53:49 pm »
La serrata contro la Ztl: forti le pressioni camorristiche

Spoiler
DI ILARIA PUGLIA E DIEGO DAVIDE
Al via da piazza Carità la manifestazione che accompagna la serrata di protesta contro la Ztl. I negozi hanno aderito quasi in  massa. Quasi tutti chiusi alla Pignasecca e in via Guantai Nuovi, serrata totale in via Egiziaca a Pizzofalcone, via Gennaro Serra conta solo tre attività commerciali aperte, via Chiaia, lato piazza Carolina tutti chiusi tranne in due. In via Giordano Bruno rimangono aperti solo 5 negozi.Ma l’adesione in alcuni casi non è libera. Diversi sono i commercianti che si lamentano di essere stati “costretti” a chiudere per pressioni malavitose. La camorra, con la presenza della Ztl, dicono, non lavora più e sta strumentalizzando la manifestazione dei commercianti. Su via Crispi, piazza Amedeo e alla Pignasecca ad alcuni commercianti è stato “consigliato” di tenere le saracinesche abbassate per paura di ritorsioni camorristiche.
Lungo il percorso seguito dalla manifestazione sono affissi manifesti del Pdl (Luciano Schifone) che recitano: “Basta ztl, la città soffocata dalla crisi messa in ginocchio dall’assurda ztl”.
A piazza Carità l’affluenza è buona, mentre sul web circolano foto di commercianti in arrivo anche da altre zone della città.
La gente urla: “I politici ci devono rispettare, noi gli abbiamo dato i voti e noi glieli togliamo, le biciclette non ci interessano”, “Sindaco vattene”. Un cartellone recita: “Siamo pentiti di averti votato”. Si alza una voce isolata nella folla: “Siamo arrabbiati ed è pericoloso!”. I manifestanti applaudono.
Altro cartellone no ztrl ai quartieri spagnoli siamo stanchi. Una voce isolata siamo arrabbiati ed è pericoloso, gli altri applaudono
Capannelli anche in piazza Municipio, davanti al Comune: si tratta dei disoccupati. Si presume che si uniranno ai commercianti una volta giunti in piazza.
Numerose le croci nere di legno con sopra la foto del sindaco e la scritta “E ora basta”.
I commercianti di Chiaia si uniscono in questo momento agli altri del centro e procedono insieme verso piazza Matteotti: sono tantissimi. Il gruppo più corposo proviene da Chiaia.
Alla Carrefour di via Lomonaco il direttore voleva aderire ma la Carrefour ha detto di no. Per questo motivo in manifestanti hanno fatto un cordone umano per non far accedere le persone al supermercato.
Al mercatino di Chaia hanno aderito tutti al corteo.
Alcuni striscioni: “Lungomare liberato, tutto il resto devastato”, “Napoli è mia, sindaco vai via”, “Ztl: zompa tutta l’economia”.
Moltissime le bandiere Confcommercio.
Il corteo intona cori da stadio: “Napoli siamo noi, chi non salta de Magistris è”.
Su via Toledo tutti i commercianti hanno le saracinesche abbassate. La strada è gremita.
Una commerciante: “La situazione non è più sostenibile. La Ztl noi la vogliamo, ma non nei termini in cui è stata pensata dal sindaco. Per sostenere una zona a traffico limitato c’è bisogno di infrastrutture, parcheggi e potenziali servizi pubblici. Una ztl non si crea dalla sera alla mattina”.
All’altezza della Questura il corteo cerca di bloccare tutti e due i sensi di marcia. Interviene la polizia in borghese a spostarli su una sola corsia per non fermare la circolazione. La folla prova di nuovo a occupare entrambe le corsie. Il traffico è in tilt tra Eldo e piazza Municipio.
Una commerciante: “Questa volta se ne va, questa volta se ne va”, si riferisce al sindaco.
Su via Medina i manifestanti fanno scoppiare un grosso petardo. Diversi i petardi, molto grossi.
A piazza Municipio una cinquantina di poliziotti in completa tenuta antisommossa, con scudi e con manganelli già in mano.
Il titolare del ristorante pizzeria Marino, che fa parte del comitato commercianti abitanti e residenti ai Quartieri Spagnoli, spontaneo, che presto aderirà all’Ascom, protestano per la rimozione totale della Ztl perché sostengono la necessità di creare le infrastrutture adeguate ad una zona a traffico limitato.
Altro cartello: “Sindaco arrogante, fazioso e presuntuoso. Ti ho votato e me ne pento”.
I commercianti distribuiscono e innalzano cartelli con su scritto VENDESI. Siamo sotto a Palazzo San Giacomo.
I manifestanti chiedono a gran voce che il sindaco si affacci. Ai balconi sbarrati urlano “buffone”. Il rumore dei fischietti è assordante. La piazza è piena.
Il titolare di un bar tabacchi su via Epomeo: “Da quando hanno aperto la Ztl di via Epomeo il mio bar tabacchi ha registrato una diminuzione delle vendite di circa il 50%. Avevo 9 dipendenti, dopo 4 mesi ne ho dovuti licenziare 3 con mio grande rammarico, poiché uno di questi è anche un padre di famiglia. La ztl si fa con altri presupposti. Bastava immaginare anche un piccolo pullmino lungo via Epomeo. Se le persone non possono arrivare sul posto non possiamo lavorare”.
Uno dei manifestanti urla al megafono: “Ti abbiamo consegnato le nostre chiavi, tu restituiscici quelle della città. Vattene”.
I manifestanti fanno esplodere dei petardi proprio sotto il portone di Palazzo San Giacomo. Fuggi fuggi generale tra la folla. Lancio di petardi dappertutto. I poliziotti abbassano i caschi sul volto.
Un commerciante di largo San Giovanni Maggiore Pignatelli: “I nostri fornitori non riescono a raggiungere il negozio. Non riescono ad avere i permessi per entrare nella ztl e non riusciamo a tenere fede ai nostri impegni per i tempi delle consegne che si allungano”.
L’aria inizia a farsi irrespirabile per la puzza dei petardi. La situazione è molto concitata.
Alcuni manifestanti contestano Taglialatela, presente in piazza perché, dice, “sto cercando di capire la gente cosa veramente vuole”. Gli altri presenti placano gli animi.
Nello speakers corner posto in piazza, si alternano gli sfollati di Chiaia e i commercianti. Roberto Russo, rappresentante dei commercianti sfollati in seguito al crollo del palazzo, dichiara che l’unico ad aver aiutato un po’ i commercianti di Chiaia è stato l’assessore Marco Esposito: “Il sindaco ha solo istituito un conto corrente per le donazioni a favore dei negozi sgomberati, la cui unica forma di pubblicità è stata su dei volantini distribuiti la sera negli alberghi dove alloggiano gli sfollati. Come se gli sfollati fossero in condizione di aiutarci..”.
A conferma delle voci raccolte circa le minacce della camorra ad alcuni negozi affinché abbassassero le saracinesche, sono intervenuti anche i Verdi Ecologisti con il seguente comunicato: “Stamattina alla Pignasecca dei brutti ceffi intimavano ai commercianti di chiudere i negozi. La destra e certi apparati criminali stanno strumentalizzando la protesta per la modifica delle ztl”. “Stamattina ho accompagnato mio marito all’ Ospedale Vecchio Pellegrini alla Pignasecca e ho assistito personalmente all’arrivo di un gruppo di persone – denuncia il capogruppo dei Verdi Ecologisti alla I Municipalità Diana Pezza Borrelli – che giravano per le strade con fare minaccioso intimando ai commercianti aperti tra cui un tabaccaio proprio di fronte all’Ospedale ed a un negozio di scarpe a fianco di chiudere subito i loro negozi. Urlavano: ” mo’ ata chiuder o’ negozio” ( adesso dovete chiudere i vostro locale )”. “I negozianti impauriti – continua Pezza Borrelli – hanno subito obbedito. Non credo che queste persone che avevano proprio delle brutte facce abbiano a che fare con le associazioni di commercianti e si muovevano con atteggiamenti e minacce tipiche della camorra. A poca distanza da questi soggetti ne giravano altri che affiggevano dei manifesti su spazi abusivi dell’ On. del Pdl Luciano Schifone nei quali invita il quartiere ad aderire alla serrata”. “La protesta contro la ztl – continua il segretario cittadino del Sole che Ride Vincenzo Peretti – sta assumendo delle caratteristiche che non ci piacciono. Pur essendo stati tra i primi a criticare le posizioni talebane dell’ assessore Anna Donati non possiamo partecipare ad iniziative targate Pdl o essere strumentalizzati da una certa destra estremista e mazziera. Una cosa è la giusta protesta per le modifiche della Ztl che condividiamo appieno un’ altra è la strumentalizzazione politica della destra o peggio di apparati criminali”.
Molto probabile che il comunicato finisca all’attenzione di polizia e carabinieri.
In piazza l’atmosfera diventa più rilassata. I manifestanti non accennano a interrompere la protesta.
Lucio Mauro pubblica sulla bacheca del gruppo Facebook Cittadinanza attiva in difesa di Napoli il seguente annuncio: “Cittadinanza Attiva in difesa di Napoli si dissocia profondamente da qualsiasi tentativo di strumentalizzazione della manifestazione da parte di persone che NON fanno parte della città civile. Condanniamo con fermezza e senza esitazioni l’uso di petardi che delegittimano la protesta e la cui provenienza siamo certi non essere né di nostri associati, né di nostri simpatizzanti”.
Un commerciante ha ricevuto colpi di manganello alla schiena. Soccorso da un’ambulanza, sembra stare bene.
Le denunce di pressioni da parte di alcuni personaggi non chiaramente individuati a chiudere i negozi arrivano da gran parte del centro storico. A denunciarlo, anche Pino De Stasio sulla sua bacheca Facebook, che spiega anche che la Confesercenti sta al momento raccogliendo tutte le segnalazioni per procedere poi alle opportune denunce.
Dallo speakers corner si chiede ai manifestanti di spostarsi su via Caracciolo e si invita la gente a mantenere la calma.
Un manifestante si avvicina a Taglialatela, presente in piazza, e lo contesta. Gli chiede ripetutamente a che titolo è lì. Lui risponde che è lì “per vedere cosa i napoletani vogliono davvero”. Gli animi tornano calmi grazie all’intervento di altri commercianti.
L’agenzia di stampa AGI riporta che “Una giornalista del quotidiano ‘La Repubblica’ di Napoli e’ stata colpita ad un ginocchio da uno dei petardi lanciati dai manifestanti durante la protesta”  e che ”la giovane donna e’ stata portata in ospedale” (AGI).
Borrelli e Attanasio, dei Verdi, dichiarano anche che al Caffè Gambrinus “un gruppo di brutti personaggi provenienti dal pallonetto di Santa Lucia si sono presentati nel locale pretendendone l’immediata chiusura. Il titolare Antonio Sergio si è ribellato ed ha chiamato le forze dell’ordine. Il locale ha chiuso secondo gli orari previsti dalla manifestazione e non da questi criminali”.
‘In tutte le manifestazioni di piazza c’e’ il pericolo di infiltrati. Nessuna allusione, ma l’evidenza ha dimostrato che c’erano”: lo ha detto Edvige Nastri, vicepresidente di Cittadinanza Attiva, associazione che raggruppa i cittadini di Chiaia che stanno partecipando, a
Napoli, alla manifestazione contro la Ztl, facendo riferimento ai momenti di tensione che si sono registrati davanti alla sede
del Municipio di Napoli. ”Puo’ darsi che ci siano manifestanti aggressivi – ha affermato Nastri – in piazza ci sono Commercianti e Bros e
insieme diventa difficoltoso”. I disoccupati organizzati, ha raccontato Nastri, ”erano qui anche ieri e a mia domanda hanno risposto che ci sarebbero stati anche oggi. Quando siamo arrivati – ha concluso – la piazza era gia’ mezza piena” (ANSA).
Il titolare del bar Tre Nani di Piazza Dante, Armando Bianco, dichiara: “Questa mattina sono stato vittima di un’aggressione nei pressi del mio locale, oggi tutti i commercianti napoletani soprattutto di Piazza Dante e dintorni avevano organizzato una serrata dalle 9 della mattina alle 13 (non chiedetemi che serrata sia), io non mi sono sentito nè considerato nè spinto da uno spirito di ribellione per fare questa, secondo me, inutile protesta. Quindi di mia spontanea volontà avevo deciso di non aderire e quindi di non chiudere. Ora 9,05 un grupo di commercianti della zona si dirigono verso il mio bar e con aria minacciosa mi intimano di chiudere altrimenti mi sarebbe capitato qualcosa di brutto, addirittura uno di loro ha detto che mi aspetta stasera per parlare a 4 occhi. Allora sono stato costretto a chiudere altrimenti avrei scatenato una rissa che non è proprio nelle mie corde!!!”. Questo commento è riportato nel gruppo Facebook Cittadinanza Attiva in difesa di Napoli.
Il Presidente della II municipalità, Francesco Chirico, insieme agli assessori Francesco Minisci e Federico Arienzo, hanno diramato un comunicato stampa in cui “esprimono viva preoccupazione per quanto verificatosi stamane durante la protesta contro la ztl.
Pur essendo numerosi gli esercizi chiusi per la protesta, abbiamo assistito a veri e propri atti di intimidazione che vanno condannati.
Esprimiamo solidarietà nei confronti dei commercianti obbligati alla chiusura. Legittima è la protesta e condivisibili le difficoltà che vivono le attività del territorio, altro è la strumentalizzazione dell’iniziativa da parte di forze politiche di centro destra che sottovalutano le presenze e le infiltrazioni criminali”.
La Confcommercio della Provincia di Napoli si dissocia “da qualsiasi provocazione e atto violento avvenuto a Piazza Municipio”. Lo dichiara Pietro Russo, presidente Confcommercio Napoli: “la nostra era una manifestazione pacifica, che si era regolarmente conclusa con la consegna delle chiavi degli esercizi commerciali di fronte Palazzo San Giacomo. La delegazione di Confcommercio stava tornando verso la sede dell’associazione quando ha sentito le esplosioni e le voci che parlavano di una carica della polizia”. “Siamo stati costretti, nostro malgrado, a scendere in strada dopo oltre trent’anni per gridare il dolore dei nostri associati”, ha aggiunto.

 
6 Comments For This Post
giovanni Says:
aprile 10th, 2013 at 8:32 am
“Diversi sono i commercianti che si lamentano di essere stati “costretti” a chiudere per pressioni malavitose.”

questo se fosse vero sarebbe di una gravità inaudita. ma le fonti sono attendibili? è stato presentato un esposto alla procura? è stata presentata querela?
è la camorra che ha “costretto” perchè “non lavora”? chi ha “consigliato” è stato denunciato?
è stata allertata almeno la prefettura/questura di ciò?


Segnalo pure varie realtà neofasciste che partecipavano a sta cosa stamattina, ma niente di nuovo insomma.
« Ultima modifica: 10 Aprile, 2013, 15:03:58 pm da Mi-en-leh »
gesucrì

Offline Neapolis84

  • *
  • Registrazione: Ago 2011
  • Post: 2768
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #188 il: 10 Aprile, 2013, 14:58:17 pm »
E te lo devo dire pure ?
logico che me lo devi dire. Quando si parla di Napoli è meglio essere precisi perchè quello che hai detto tu "Napoli come Cairo" è una cosa che possono dire in molti, ma poi chiedi spiegazioni e trovi 3 specie:
1) "perchè quei terroni stanno inguaiati"
2) "perchè simm gent e merd, stiamm nguaiat, facimm schif, tenen ragion chill ro nord"
3) quello che hai detto tu.

;)

Offline Neapolis84

  • *
  • Registrazione: Ago 2011
  • Post: 2768
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #189 il: 10 Aprile, 2013, 15:01:59 pm »
La serrata contro la Ztl: forti le pressioni camorristiche

Spoiler
DI ILARIA PUGLIA E DIEGO DAVIDE
Al via da piazza Carità la manifestazione che accompagna la serrata di protesta contro la Ztl. I negozi hanno aderito quasi in  massa. Quasi tutti chiusi alla Pignasecca e in via Guantai Nuovi, serrata totale in via Egiziaca a Pizzofalcone, via Gennaro Serra conta solo tre attività commerciali aperte, via Chiaia, lato piazza Carolina tutti chiusi tranne in due. In via Giordano Bruno rimangono aperti solo 5 negozi.Ma l’adesione in alcuni casi non è libera. Diversi sono i commercianti che si lamentano di essere stati “costretti” a chiudere per pressioni malavitose. La camorra, con la presenza della Ztl, dicono, non lavora più e sta strumentalizzando la manifestazione dei commercianti. Su via Crispi, piazza Amedeo e alla Pignasecca ad alcuni commercianti è stato “consigliato” di tenere le saracinesche abbassate per paura di ritorsioni camorristiche.
Lungo il percorso seguito dalla manifestazione sono affissi manifesti del Pdl (Luciano Schifone) che recitano: “Basta ztl, la città soffocata dalla crisi messa in ginocchio dall’assurda ztl”.
A piazza Carità l’affluenza è buona, mentre sul web circolano foto di commercianti in arrivo anche da altre zone della città.
La gente urla: “I politici ci devono rispettare, noi gli abbiamo dato i voti e noi glieli togliamo, le biciclette non ci interessano”, “Sindaco vattene”. Un cartellone recita: “Siamo pentiti di averti votato”. Si alza una voce isolata nella folla: “Siamo arrabbiati ed è pericoloso!”. I manifestanti applaudono.
Altro cartellone no ztrl ai quartieri spagnoli siamo stanchi. Una voce isolata siamo arrabbiati ed è pericoloso, gli altri applaudono
Capannelli anche in piazza Municipio, davanti al Comune: si tratta dei disoccupati. Si presume che si uniranno ai commercianti una volta giunti in piazza.
Numerose le croci nere di legno con sopra la foto del sindaco e la scritta “E ora basta”.
I commercianti di Chiaia si uniscono in questo momento agli altri del centro e procedono insieme verso piazza Matteotti: sono tantissimi. Il gruppo più corposo proviene da Chiaia.
Alla Carrefour di via Lomonaco il direttore voleva aderire ma la Carrefour ha detto di no. Per questo motivo in manifestanti hanno fatto un cordone umano per non far accedere le persone al supermercato.
Al mercatino di Chaia hanno aderito tutti al corteo.
Alcuni striscioni: “Lungomare liberato, tutto il resto devastato”, “Napoli è mia, sindaco vai via”, “Ztl: zompa tutta l’economia”.
Moltissime le bandiere Confcommercio.
Il corteo intona cori da stadio: “Napoli siamo noi, chi non salta de Magistris è”.
Su via Toledo tutti i commercianti hanno le saracinesche abbassate. La strada è gremita.
Una commerciante: “La situazione non è più sostenibile. La Ztl noi la vogliamo, ma non nei termini in cui è stata pensata dal sindaco. Per sostenere una zona a traffico limitato c’è bisogno di infrastrutture, parcheggi e potenziali servizi pubblici. Una ztl non si crea dalla sera alla mattina”.
All’altezza della Questura il corteo cerca di bloccare tutti e due i sensi di marcia. Interviene la polizia in borghese a spostarli su una sola corsia per non fermare la circolazione. La folla prova di nuovo a occupare entrambe le corsie. Il traffico è in tilt tra Eldo e piazza Municipio.
Una commerciante: “Questa volta se ne va, questa volta se ne va”, si riferisce al sindaco.
Su via Medina i manifestanti fanno scoppiare un grosso petardo. Diversi i petardi, molto grossi.
A piazza Municipio una cinquantina di poliziotti in completa tenuta antisommossa, con scudi e con manganelli già in mano.
Il titolare del ristorante pizzeria Marino, che fa parte del comitato commercianti abitanti e residenti ai Quartieri Spagnoli, spontaneo, che presto aderirà all’Ascom, protestano per la rimozione totale della Ztl perché sostengono la necessità di creare le infrastrutture adeguate ad una zona a traffico limitato.
Altro cartello: “Sindaco arrogante, fazioso e presuntuoso. Ti ho votato e me ne pento”.
I commercianti distribuiscono e innalzano cartelli con su scritto VENDESI. Siamo sotto a Palazzo San Giacomo.
I manifestanti chiedono a gran voce che il sindaco si affacci. Ai balconi sbarrati urlano “buffone”. Il rumore dei fischietti è assordante. La piazza è piena.
Il titolare di un bar tabacchi su via Epomeo: “Da quando hanno aperto la Ztl di via Epomeo il mio bar tabacchi ha registrato una diminuzione delle vendite di circa il 50%. Avevo 9 dipendenti, dopo 4 mesi ne ho dovuti licenziare 3 con mio grande rammarico, poiché uno di questi è anche un padre di famiglia. La ztl si fa con altri presupposti. Bastava immaginare anche un piccolo pullmino lungo via Epomeo. Se le persone non possono arrivare sul posto non possiamo lavorare”.
Uno dei manifestanti urla al megafono: “Ti abbiamo consegnato le nostre chiavi, tu restituiscici quelle della città. Vattene”.
I manifestanti fanno esplodere dei petardi proprio sotto il portone di Palazzo San Giacomo. Fuggi fuggi generale tra la folla. Lancio di petardi dappertutto. I poliziotti abbassano i caschi sul volto.
Un commerciante di largo San Giovanni Maggiore Pignatelli: “I nostri fornitori non riescono a raggiungere il negozio. Non riescono ad avere i permessi per entrare nella ztl e non riusciamo a tenere fede ai nostri impegni per i tempi delle consegne che si allungano”.
L’aria inizia a farsi irrespirabile per la puzza dei petardi. La situazione è molto concitata.
Alcuni manifestanti contestano Taglialatela, presente in piazza perché, dice, “sto cercando di capire la gente cosa veramente vuole”. Gli altri presenti placano gli animi.
Nello speakers corner posto in piazza, si alternano gli sfollati di Chiaia e i commercianti. Roberto Russo, rappresentante dei commercianti sfollati in seguito al crollo del palazzo, dichiara che l’unico ad aver aiutato un po’ i commercianti di Chiaia è stato l’assessore Marco Esposito: “Il sindaco ha solo istituito un conto corrente per le donazioni a favore dei negozi sgomberati, la cui unica forma di pubblicità è stata su dei volantini distribuiti la sera negli alberghi dove alloggiano gli sfollati. Come se gli sfollati fossero in condizione di aiutarci..”.
A conferma delle voci raccolte circa le minacce della camorra ad alcuni negozi affinché abbassassero le saracinesche, sono intervenuti anche i Verdi Ecologisti con il seguente comunicato: “Stamattina alla Pignasecca dei brutti ceffi intimavano ai commercianti di chiudere i negozi. La destra e certi apparati criminali stanno strumentalizzando la protesta per la modifica delle ztl”. “Stamattina ho accompagnato mio marito all’ Ospedale Vecchio Pellegrini alla Pignasecca e ho assistito personalmente all’arrivo di un gruppo di persone – denuncia il capogruppo dei Verdi Ecologisti alla I Municipalità Diana Pezza Borrelli – che giravano per le strade con fare minaccioso intimando ai commercianti aperti tra cui un tabaccaio proprio di fronte all’Ospedale ed a un negozio di scarpe a fianco di chiudere subito i loro negozi. Urlavano: ” mo’ ata chiuder o’ negozio” ( adesso dovete chiudere i vostro locale )”. “I negozianti impauriti – continua Pezza Borrelli – hanno subito obbedito. Non credo che queste persone che avevano proprio delle brutte facce abbiano a che fare con le associazioni di commercianti e si muovevano con atteggiamenti e minacce tipiche della camorra. A poca distanza da questi soggetti ne giravano altri che affiggevano dei manifesti su spazi abusivi dell’ On. del Pdl Luciano Schifone nei quali invita il quartiere ad aderire alla serrata”. “La protesta contro la ztl – continua il segretario cittadino del Sole che Ride Vincenzo Peretti – sta assumendo delle caratteristiche che non ci piacciono. Pur essendo stati tra i primi a criticare le posizioni talebane dell’ assessore Anna Donati non possiamo partecipare ad iniziative targate Pdl o essere strumentalizzati da una certa destra estremista e mazziera. Una cosa è la giusta protesta per le modifiche della Ztl che condividiamo appieno un’ altra è la strumentalizzazione politica della destra o peggio di apparati criminali”.
Molto probabile che il comunicato finisca all’attenzione di polizia e carabinieri.
In piazza l’atmosfera diventa più rilassata. I manifestanti non accennano a interrompere la protesta.
Lucio Mauro pubblica sulla bacheca del gruppo Facebook Cittadinanza attiva in difesa di Napoli il seguente annuncio: “Cittadinanza Attiva in difesa di Napoli si dissocia profondamente da qualsiasi tentativo di strumentalizzazione della manifestazione da parte di persone che NON fanno parte della città civile. Condanniamo con fermezza e senza esitazioni l’uso di petardi che delegittimano la protesta e la cui provenienza siamo certi non essere né di nostri associati, né di nostri simpatizzanti”.
Un commerciante ha ricevuto colpi di manganello alla schiena. Soccorso da un’ambulanza, sembra stare bene.
Le denunce di pressioni da parte di alcuni personaggi non chiaramente individuati a chiudere i negozi arrivano da gran parte del centro storico. A denunciarlo, anche Pino De Stasio sulla sua bacheca Facebook, che spiega anche che la Confesercenti sta al momento raccogliendo tutte le segnalazioni per procedere poi alle opportune denunce.
Dallo speakers corner si chiede ai manifestanti di spostarsi su via Caracciolo e si invita la gente a mantenere la calma.
Un manifestante si avvicina a Taglialatela, presente in piazza, e lo contesta. Gli chiede ripetutamente a che titolo è lì. Lui risponde che è lì “per vedere cosa i napoletani vogliono davvero”. Gli animi tornano calmi grazie all’intervento di altri commercianti.
L’agenzia di stampa AGI riporta che “Una giornalista del quotidiano ‘La Repubblica’ di Napoli e’ stata colpita ad un ginocchio da uno dei petardi lanciati dai manifestanti durante la protesta”  e che ”la giovane donna e’ stata portata in ospedale” (AGI).
Borrelli e Attanasio, dei Verdi, dichiarano anche che al Caffè Gambrinus “un gruppo di brutti personaggi provenienti dal pallonetto di Santa Lucia si sono presentati nel locale pretendendone l’immediata chiusura. Il titolare Antonio Sergio si è ribellato ed ha chiamato le forze dell’ordine. Il locale ha chiuso secondo gli orari previsti dalla manifestazione e non da questi criminali”.
‘In tutte le manifestazioni di piazza c’e’ il pericolo di infiltrati. Nessuna allusione, ma l’evidenza ha dimostrato che c’erano”: lo ha detto Edvige Nastri, vicepresidente di Cittadinanza Attiva, associazione che raggruppa i cittadini di Chiaia che stanno partecipando, a
Napoli, alla manifestazione contro la Ztl, facendo riferimento ai momenti di tensione che si sono registrati davanti alla sede
del Municipio di Napoli. ”Puo’ darsi che ci siano manifestanti aggressivi – ha affermato Nastri – in piazza ci sono Commercianti e Bros e
insieme diventa difficoltoso”. I disoccupati organizzati, ha raccontato Nastri, ”erano qui anche ieri e a mia domanda hanno risposto che ci sarebbero stati anche oggi. Quando siamo arrivati – ha concluso – la piazza era gia’ mezza piena” (ANSA).
Il titolare del bar Tre Nani di Piazza Dante, Armando Bianco, dichiara: “Questa mattina sono stato vittima di un’aggressione nei pressi del mio locale, oggi tutti i commercianti napoletani soprattutto di Piazza Dante e dintorni avevano organizzato una serrata dalle 9 della mattina alle 13 (non chiedetemi che serrata sia), io non mi sono sentito nè considerato nè spinto da uno spirito di ribellione per fare questa, secondo me, inutile protesta. Quindi di mia spontanea volontà avevo deciso di non aderire e quindi di non chiudere. Ora 9,05 un grupo di commercianti della zona si dirigono verso il mio bar e con aria minacciosa mi intimano di chiudere altrimenti mi sarebbe capitato qualcosa di brutto, addirittura uno di loro ha detto che mi aspetta stasera per parlare a 4 occhi. Allora sono stato costretto a chiudere altrimenti avrei scatenato una rissa che non è proprio nelle mie corde!!!”. Questo commento è riportato nel gruppo Facebook Cittadinanza Attiva in difesa di Napoli.
Il Presidente della II municipalità, Francesco Chirico, insieme agli assessori Francesco Minisci e Federico Arienzo, hanno diramato un comunicato stampa in cui “esprimono viva preoccupazione per quanto verificatosi stamane durante la protesta contro la ztl.
Pur essendo numerosi gli esercizi chiusi per la protesta, abbiamo assistito a veri e propri atti di intimidazione che vanno condannati.
Esprimiamo solidarietà nei confronti dei commercianti obbligati alla chiusura. Legittima è la protesta e condivisibili le difficoltà che vivono le attività del territorio, altro è la strumentalizzazione dell’iniziativa da parte di forze politiche di centro destra che sottovalutano le presenze e le infiltrazioni criminali”.
La Confcommercio della Provincia di Napoli si dissocia “da qualsiasi provocazione e atto violento avvenuto a Piazza Municipio”. Lo dichiara Pietro Russo, presidente Confcommercio Napoli: “la nostra era una manifestazione pacifica, che si era regolarmente conclusa con la consegna delle chiavi degli esercizi commerciali di fronte Palazzo San Giacomo. La delegazione di Confcommercio stava tornando verso la sede dell’associazione quando ha sentito le esplosioni e le voci che parlavano di una carica della polizia”. “Siamo stati costretti, nostro malgrado, a scendere in strada dopo oltre trent’anni per gridare il dolore dei nostri associati”, ha aggiunto.

 
6 Comments For This Post
giovanni Says:
aprile 10th, 2013 at 8:32 am
“Diversi sono i commercianti che si lamentano di essere stati “costretti” a chiudere per pressioni malavitose.”

questo se fosse vero sarebbe di una gravità inaudita. ma le fonti sono attendibili? è stato presentato un esposto alla procura? è stata presentata querela?
è la camorra che ha “costretto” perchè “non lavora”? chi ha “consigliato” è stato denunciato?
è stata allertata almeno la prefettura/questura di ciò?



Segnalo pure varie realtà neofasciste che partecipavano a sta cosa stamattina, ma niente di nuovo insomma.

non so dove hai preso questo articolo, ma mi trova pienamente d'accordo e sinceramente mi meravigliavo come nessuno avesse ancora sottolineato come questa ZTL va prima di tutto in culo a certa gente di merda. Sono pensieri vecchi, pensieri che risalgono appena è cominciata la prima ZTL a Napoli...io mi stupisco solo che ci sono tante persone (specialmente ragazzi) che ste cose le dimenticano e vanno facilmente appresso allo slogan "la ZTL fa schifo".

falceEmarcello

Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #190 il: 10 Aprile, 2013, 15:02:31 pm »
logico che me lo devi dire. Quando si parla di Napoli è meglio essere precisi perchè quello che hai detto tu "Napoli come Cairo" è una cosa che possono dire in molti, ma poi chiedi spiegazioni e trovi 3 specie:
1) "perchè quei terroni stanno inguaiati"
2) "perchè simm gent e merd, stiamm nguaiat, facimm schif, tenen ragion chill ro nord"
3) quello che hai detto tu.

;)

Non prentendo che mi devi conoscere, ma le prime due le devi escludere pure solo perche' sono risposte che identificano l'imbecillita' di chi le da'
E nessuno e' imbecille fino a che non lo dimostra ;)

falceEmarcello

Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #191 il: 10 Aprile, 2013, 15:07:46 pm »
non so dove hai preso questo articolo, ma mi trova pienamente d'accordo e sinceramente mi meravigliavo come nessuno avesse ancora sottolineato come questa ZTL va prima di tutto in culo a certa gente di merda. Sono pensieri vecchi, pensieri che risalgono appena è cominciata la prima ZTL a Napoli...io mi stupisco solo che ci sono tante persone (specialmente ragazzi) che ste cose le dimenticano e vanno facilmente appresso allo slogan "la ZTL fa schifo".

E a tutti quelli che vogliono che napoli sia piu' simile ad una el Cairo piu' fresca che a una Copenaghen co' sol.

Offline Neapolis84

  • *
  • Registrazione: Ago 2011
  • Post: 2768
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #192 il: 10 Aprile, 2013, 15:11:08 pm »
Non prentendo che mi devi conoscere, ma le prime due le devi escludere pure solo perche' sono risposte che identificano l'imbecillita' di chi le da'
E nessuno e' imbecille fino a che non lo dimostra ;)
"«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»

A. Einstein

Per me è fratemo Albertino è il contrario: tutti sono imbecilli finchè non dimostrano il contrario  :vecchio:

:asd:

Offline kurz

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 19015
  • Sesso: Maschio
  • IO HO PAGATO E NUN ME FANNO ENTRÀ
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #193 il: 10 Aprile, 2013, 15:21:35 pm »



a maschera e ray misterio
gesucrì

Starfred

Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #194 il: 10 Aprile, 2013, 15:23:00 pm »

Online Alemao

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 21298
  • Salvini merda.
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #195 il: 10 Aprile, 2013, 15:30:30 pm »
Sì infiltrazioni e quant'altro, vero, possibile, resta il problema che lo ztl è una rottura di cazzo.

Online Ciùcciuettola

  • *
  • Registrazione: Giu 2012
  • Post: 6858
  • Sesso: Maschio
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #196 il: 10 Aprile, 2013, 15:38:13 pm »
Purtroppo credo che F&Marcello abbia ragione da vendere. Napoli resterà sempre una giovane promessa, un potenziale mai sfruttato.
« Ultima modifica: 10 Aprile, 2013, 15:40:36 pm da JMeet »
Si quella volta che feci una loffa dopo aver mangiato pasta e fagioli con la cotica e te la mettesti ad odorare per vedere se riuscivi a trovare il senso della vita.

Offline kurz

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 19015
  • Sesso: Maschio
  • IO HO PAGATO E NUN ME FANNO ENTRÀ
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #197 il: 10 Aprile, 2013, 15:38:57 pm »
Sì infiltrazioni e quant'altro, vero, possibile, resta il problema che lo ztl è una rottura di cazzo.
In qualsiasi paese lo è.

Anzi giustamente mi potresti dire noi facciamo schifo a mezzi pubblici, ed è vero :look:
gesucrì

Offline Vino a Tavola

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 17479
  • Sesso: Maschio
  • Il Napoli ha attaccato brutto
    • www.parissangennar.com
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #198 il: 10 Aprile, 2013, 15:55:18 pm »
Purtroppo credo che F&Marcello abbia ragione da vendere. Napoli resterà sempre una giovane promessa, un potenziale mai sfruttato.
tranne che nell'infilare roma vicino a londra e parigi  :troll: :maronn: :bacino:

Offline Bruce Colotti

  • *
  • Registrazione: Ago 2012
  • Post: 3249
  • Località: RomaMMerda
  • Sesso: Maschio
  • Brigadiere, come vede, si lavicchia!
Re:Napoli, la nostra città
« Risposta #199 il: 10 Aprile, 2013, 16:10:17 pm »
tranne che nell'infilare roma vicino a londra e parigi  :troll: :maronn: :bacino:
:ok: