Autore Topic: De Laurentiis Aurelio  (Letto 881336 volte)  Share 

Alex88, umb, Bruce Colotti e 4 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline CharMeg

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 14042
  • Località: Frazione di un piccolo paese in provincia di Torino
  • Sesso: Maschio
  • Vecchio cazzone nonchè ziprevt
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20380 il: 03 Febbraio, 2018, 19:56:33 pm »
Ti voglio veramente bene  :alla: :alla: :alla:
Azz, mi sento onorato!

È che quelle cose le ho vissute tutte...
moriremo tutti....ricordalo
È un dolore enorme.
É chiaro che il suo obiettivo é quello: lo scudetto, poi la Champions, dopodiché avrà sei milioni di persone ai suoi piedi pronte a tutto per lui e disposte a innalzarlo come dittatore illuminato con un colpo di stato.

Online umb

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 7031
  • Località: Jacksonville FL
  • Sesso: Maschio
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20381 il: 03 Febbraio, 2018, 22:43:49 pm »
Infatti, la gestione Dela è molto oculata, ma dovrebbe essere meno accentratore.
Il fatto è che lui non si fida a far usare i suoi soldi ad altri, comprensibile, visto che il Napoli vive di equilibri economici molto delicati, però così il progresso della società è molto lento.
Però bisogna riconoscere che c'è, altrimenti si sbaglia in senso opposto.

ma infatti basterebbe potenziare ancora di più il reparto scouting. vuoi decidere tu? va bene ma almeno fatti paventare più opzioni e valide invece dei soli verdi e politano.
alla fine abbiamo sempre campato così, prendiamo giocatori relativamente a poco e ci facciamo delle mega plusvalenze quando li rivendiamo, senza mettere in mezzo il solito discorso delle infrastrutture che potrebbe portargli altri grossi ricavi, ma lasciamo stare.
« Ultima modifica: 03 Febbraio, 2018, 22:44:52 pm da umb »

Offline CharMeg

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 14042
  • Località: Frazione di un piccolo paese in provincia di Torino
  • Sesso: Maschio
  • Vecchio cazzone nonchè ziprevt
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20382 il: 03 Febbraio, 2018, 22:56:10 pm »
ma infatti basterebbe potenziare ancora di più il reparto scouting. vuoi decidere tu? va bene ma almeno fatti paventare più opzioni e valide invece dei soli verdi e politano.
alla fine abbiamo sempre campato così, prendiamo giocatori relativamente a poco e ci facciamo delle mega plusvalenze quando li rivendiamo, senza mettere in mezzo il solito discorso delle infrastrutture che potrebbe portargli altri grossi ricavi, ma lasciamo stare.
Ovviamente Dela ha diversi difetti, e uno tra questi è che non fa decollare il piano per portare la società (non la squadra) a livelli adeguati.
Un po' dipende dalla prudenza,un po' dal suo protagonismo, fatto sta che questa cosa la deve risolvere se vuole fare un vero salto di qualità.

Secondo me teme che con i soldi grossi venga poi spodestato.
moriremo tutti....ricordalo
È un dolore enorme.
É chiaro che il suo obiettivo é quello: lo scudetto, poi la Champions, dopodiché avrà sei milioni di persone ai suoi piedi pronte a tutto per lui e disposte a innalzarlo come dittatore illuminato con un colpo di stato.

Offline Capetiellejon

  • *
  • Registrazione: Apr 2015
  • Post: 3664
  • Ogni Capetiello è bello 'a zizza soja! #incognita
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20383 il: 04 Febbraio, 2018, 10:21:49 am »
Io ho iniziato a tifare seriamente il Napoli ai tempi di Pasino e Max Vieri.
Sono cresciuto con la convinzione che Ferlaino di nome facesse Vattene.

Offline CharMeg

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 14042
  • Località: Frazione di un piccolo paese in provincia di Torino
  • Sesso: Maschio
  • Vecchio cazzone nonchè ziprevt
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20384 il: 04 Febbraio, 2018, 10:28:03 am »
Io ho iniziato a tifare seriamente il Napoli ai tempi di Pasino e Max Vieri.
Sono cresciuto con la convinzione che Ferlaino di nome facesse Vattene.
:asd: :asd: :asd:
moriremo tutti....ricordalo
È un dolore enorme.
É chiaro che il suo obiettivo é quello: lo scudetto, poi la Champions, dopodiché avrà sei milioni di persone ai suoi piedi pronte a tutto per lui e disposte a innalzarlo come dittatore illuminato con un colpo di stato.

Offline kolor

  • *
  • Registrazione: Lug 2010
  • Post: 15051
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20385 il: 04 Febbraio, 2018, 12:12:33 pm »
Ferlaino ha approfittato di una congiuntura favorevole; indubbiamente grande tifoso del Napoli, ha avuto Maradona da Juliano e la squadra da Allodi.

Li ha scelti lui, certo, ha investito soldi, indubbiamente, ma come imprenditore non ha saputo costruire niente, veramente niente, con il più grande calciatore del mondo in squadra.
Il Milan ha messo su un impero negli stessi anni.

Appena è mancato l'apporto di Maradona si è visto che non era in grado di gestire una società ad alto livello.
Non ha fatto niente di che prima, e molto male dopo.

Mi viene da dire una cattiveria, e la dico: tipico napoletano dello stereotipo, che vive alla giornata e perde la più grande occasione della sua vita e della storia del Napoli per manifesta incapacità.

Quello che avrebbe potuto essere il Napoli, non lo sapremo mai. Ma l'occasione c'era, enorme.

in questo commento c'è un pizzico di verità secondo me, quando dici "vivere alla giornata perdendo l'occasione più grande della vita"...però ripeto, c'è da dire che erano altri tempi i soldi si "dovevano" cacare obbligatoriamente...non avevi nessun diritti tv che ti salvava il culo, ma è indubbio che la gestione è stata più di "passione" che "tecnica"....di certo Ferlaino sapeva cosa voleva dire però "società calcistica" con tanto di direttori al posto giusto e senza supercazzole.
"snobbiamo tutto snobbiamo, coppa italia, europa league...snobbiamo, poi restiamo col cazzo in mano." auto-citaz.

Offline TOTORE-RASTAMAN

  • *
  • Registrazione: Ott 2013
  • Post: 8778
  • Località: Ricottaland
  • Sesso: Maschio
  • Maradona è megl e pelè
    • Vieni a farti un giro nel mio SoundCloud :look:
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20386 il: 04 Febbraio, 2018, 12:18:36 pm »
Io ho iniziato a tifare seriamente il Napoli ai tempi di Pasino e Max Vieri.
Sono cresciuto con la convinzione che Ferlaino di nome facesse Vattene.
:rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:
Io ho iniziato a tifare seriamente ai tempi di Bruscolotti e Frappampina e Ferlaino lo vedevo quasi tutti i giorni che usciva di casa con la sua macchina che, al posto del tergicristallo, aveva il tergisputazzate...
Schifare il presidente fa parte della nostra cultura di tifosi, al di là del risultato... :asd:

Offline Guallera V.2

  • *
  • Registrazione: Mar 2011
  • Post: 31442
  • Vietato sognare
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20387 il: 04 Febbraio, 2018, 12:37:47 pm »
Nei primi 14 anni di gestione (che poi coincidono quasi col periodo pre-Maradona c'è lo scarto di un anno), in un campionato molto più equilibrato rispetto a quello di oggi, dove la Juventus non era ancora una multinazionale cannibale che ha creato un solco col resto delle altre squadre, il Napoli ha sempre vissuto annate più scure che chiare. Ha ereditato (o meglio si è appropiato perchè anche qui ci sarebbe molto da dire...) una squadra forte, che aveva Sivori (ok avanti con gli anni ma ancora in grado di combinare qualcosa), Altafini, Zoff, Iuliano, Barison, Canè, Claudio Sala, eppure dopo poco quella squadra fu smembrata e si dovette aspettare solo il triennio di Vinicio col culmine nel 1974-75 per rivedere un Napoli in alta classifica. Tra l'altro negli anni '70, non crediate che il campionato italiano fosse chissà quale super torneo, il blocco degli stranieri, un mercato fatto esclusivamente con pochissimi soldi molto più a dimensione umana (non a caso lo scandalo lo fece proprio il Napoli coi 2 miliardi per Savoldi) ed una certa arretratezza tattica, facevano di un campionato che poi non ci voleva chissà quale alchimia gestionale per renderlo competitivo all'alta classifica. Non a caso è l'annata dei trionfi della Lazio nel 1974 (soltanto due anni prima in serie B), del Cesena in coppa Uefa nel 1976, della vittoria del Torino nel medesimo anno e dello scudetto sfiorato e perso per un solo punto l'anno dopo, del Vicenza imbattuto nel 1978 secondo in classifica e del Perugia secondo l'anno dopo. Ed in tutto ciò il Napoli tolto il triennio di Vinicio fece da comparsa. Negli anni '80 con l'apertura delle friontere, e con la bolla economica che da lì a poco investì il mondo pallonaro, il Napoli del "passionale" Ferlaino fece una grande stagione nel 1981, accarezzando il sogno scudetto con Marchesi allenatore. L'anno dopo si qualificò in coppa Uefa sempre con Marchesi, ma poi la stagione successiva chiuse il girone d'andata ultima in classifica, rischiò la retrocessione e solo nel finale di campionato riuscì nell'impresa della salvezza. L'anno dopo pure fu un campionato mediocre, caratterizzato dalla costante presenza nei bassi fondi della classifica.
Tra l'altro Ferlaino cambiava direttore sportivi un anno si e l'altro pure, e negli ultimi anni della sua scellerata gestione ha messo veramente gente improponibile come dirigenti e direttori sportivi : io il romano e romanista Gianmarco Innocenti come direttore generale (che all'ultima giornata nel 1996-97 augurò a noi tifosi tutto il peggio possibile perchè dopo la sconfitta di Vicenza, ci eravamo "permessi" di criticare la società che già stava attuando il tutti via. Non a caso la jastemma ce la buttò benissimo, visto che poi facemmo 14 punti ) e l'avvocato Fusco come direttore sportivo me li ricordo ancora.
Purtroppo non esistono solo gli anni belli di Maradona, ma anche tante amarezze prima e dopo.
« Ultima modifica: 04 Febbraio, 2018, 12:42:40 pm da Guallera V.2 »

Online Alex88

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 21831
  • Località: Pomigliano D'Arco
  • Sesso: Maschio
  • ...look closer
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20388 il: 04 Febbraio, 2018, 12:49:01 pm »
Nei primi 14 anni di gestione (che poi coincidono quasi col periodo pre-Maradona c'è lo scarto di un anno), in un campionato molto più equilibrato rispetto a quello di oggi, dove la Juventus non era ancora una multinazionale cannibale che ha creato un solco col resto delle altre squadre, il Napoli ha sempre vissuto annate più scure che chiare. Ha ereditato (o meglio si è appropiato perchè anche qui ci sarebbe molto da dire...) una squadra forte, che aveva Sivori (ok avanti con gli anni ma ancora in grado di combinare qualcosa), Altafini, Zoff, Iuliano, Barison, Canè, Claudio Sala, eppure dopo poco quella squadra fu smembrata e si dovette aspettare solo il triennio di Vinicio col culmine nel 1974-75 per rivedere un Napoli in alta classifica. Tra l'altro negli anni '70, non crediate che il campionato italiano fosse chissà quale super torneo, il blocco degli stranieri, un mercato fatto esclusivamente con pochissimi soldi molto più a dimensione umana (non a caso lo scandalo lo fece proprio il Napoli coi 2 miliardi per Savoldi) ed una certa arretratezza tattica, facevano di un campionato che poi non ci voleva chissà quale alchimia gestionale per renderlo competitivo all'alta classifica. Non a caso è l'annata dei trionfi della Lazio nel 1974 (soltanto due anni prima in serie B), del Cesena in coppa Uefa nel 1976, della vittoria del Torino nel medesimo anno e dello scudetto sfiorato e perso per un solo punto l'anno dopo, del Vicenza imbattuto nel 1978 secondo in classifica e del Perugia secondo l'anno dopo. Ed in tutto ciò il Napoli tolto il triennio di Vinicio fece da comparsa. Negli anni '80 con l'apertura delle friontere, e con la bolla economica che da lì a poco investì il mondo pallonaro, il Napoli del "passionale" Ferlaino fece una grande stagione nel 1981, accarezzando il sogno scudetto con Marchesi allenatore. L'anno dopo si qualificò in coppa Uefa sempre con Marchesi, ma poi la stagione successiva chiuse il girone d'andata ultima in classifica, rischiò la retrocessione e solo nel finale di campionato riuscì nell'impresa della salvezza. L'anno dopo pure fu un campionato mediocre, caratterizzato dalla costante presenza nei bassi fondi della classifica.
Tra l'altro Ferlaino cambiava direttore sportivi un anno si e l'altro pure, e negli ultimi anni della sua scellerata gestione ha messo veramente gente improponibile come dirigenti e direttori sportivi : io il romano e romanista Gianmarco Innocenti come direttore generale (che all'ultima giornata nel 1996-97 augurò a noi tifosi tutto il peggio possibile perchè dopo la sconfitta di Vicenza, ci eravamo "permessi" di criticare la società che già stava attuando il tutti via. Non a caso la jastemma ce la buttò benissimo, visto che poi facemmo 14 punti ) e l'avvocato Fusco come direttore sportivo me li ricordo ancora.
Purtroppo non esistono solo gli anni belli di Maradona, ma anche tante amarezze prima e dopo.
Ma pure il primo anno di Maradona finimmo ottavi.

Offline CharMeg

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 14042
  • Località: Frazione di un piccolo paese in provincia di Torino
  • Sesso: Maschio
  • Vecchio cazzone nonchè ziprevt
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20389 il: 04 Febbraio, 2018, 12:55:06 pm »
in questo commento c'è un pizzico di verità secondo me, quando dici "vivere alla giornata perdendo l'occasione più grande della vita"...però ripeto, c'è da dire che erano altri tempi i soldi si "dovevano" cacare obbligatoriamente...non avevi nessun diritti tv che ti salvava il culo, ma è indubbio che la gestione è stata più di "passione" che "tecnica"....di certo Ferlaino sapeva cosa voleva dire però "società calcistica" con tanto di direttori al posto giusto e senza supercazzole.
Ma di quella "società" non è rimasto nulla, e non dopo Ferlaino, già durante la sua gestione.
Io mi ricordo che oltre a Allodi e Maradona c'erano altri loschissimi figuri che hanno arraffato a mani basse e sono scappati col malloppo appena vista la mala parata.
Quella non era una società seria, ma una società ricca; avrebbe potuto diventare seria, ma Ferlaino non è stato capace, e gli altri erano squali.
Magari qualcuno vecchio come me ma meno rimbambito può fare qualche nome, così ne parliamo, di quella mazzamma. Mi scoccio di andare a cercare.
moriremo tutti....ricordalo
È un dolore enorme.
É chiaro che il suo obiettivo é quello: lo scudetto, poi la Champions, dopodiché avrà sei milioni di persone ai suoi piedi pronte a tutto per lui e disposte a innalzarlo come dittatore illuminato con un colpo di stato.

Online Alex88

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 21831
  • Località: Pomigliano D'Arco
  • Sesso: Maschio
  • ...look closer
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20390 il: 04 Febbraio, 2018, 12:58:21 pm »
in questo commento c'è un pizzico di verità secondo me, quando dici "vivere alla giornata perdendo l'occasione più grande della vita"...però ripeto, c'è da dire che erano altri tempi i soldi si "dovevano" cacare obbligatoriamente...non avevi nessun diritti tv che ti salvava il culo, ma è indubbio che la gestione è stata più di "passione" che "tecnica"....di certo Ferlaino sapeva cosa voleva dire però "società calcistica" con tanto di direttori al posto giusto e senza supercazzole.
Eh s'e' visto  :asd:

Offline CharMeg

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 14042
  • Località: Frazione di un piccolo paese in provincia di Torino
  • Sesso: Maschio
  • Vecchio cazzone nonchè ziprevt
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20391 il: 04 Febbraio, 2018, 12:59:14 pm »
Nei primi 14 anni di gestione (che poi coincidono quasi col periodo pre-Maradona c'è lo scarto di un anno), in un campionato molto più equilibrato rispetto a quello di oggi, dove la Juventus non era ancora una multinazionale cannibale che ha creato un solco col resto delle altre squadre, il Napoli ha sempre vissuto annate più scure che chiare. Ha ereditato (o meglio si è appropiato perchè anche qui ci sarebbe molto da dire...) una squadra forte, che aveva Sivori (ok avanti con gli anni ma ancora in grado di combinare qualcosa), Altafini, Zoff, Iuliano, Barison, Canè, Claudio Sala, eppure dopo poco quella squadra fu smembrata e si dovette aspettare solo il triennio di Vinicio col culmine nel 1974-75 per rivedere un Napoli in alta classifica. Tra l'altro negli anni '70, non crediate che il campionato italiano fosse chissà quale super torneo, il blocco degli stranieri, un mercato fatto esclusivamente con pochissimi soldi molto più a dimensione umana (non a caso lo scandalo lo fece proprio il Napoli coi 2 miliardi per Savoldi) ed una certa arretratezza tattica, facevano di un campionato che poi non ci voleva chissà quale alchimia gestionale per renderlo competitivo all'alta classifica. Non a caso è l'annata dei trionfi della Lazio nel 1974 (soltanto due anni prima in serie B), del Cesena in coppa Uefa nel 1976, della vittoria del Torino nel medesimo anno e dello scudetto sfiorato e perso per un solo punto l'anno dopo, del Vicenza imbattuto nel 1978 secondo in classifica e del Perugia secondo l'anno dopo. Ed in tutto ciò il Napoli tolto il triennio di Vinicio fece da comparsa. Negli anni '80 con l'apertura delle friontere, e con la bolla economica che da lì a poco investì il mondo pallonaro, il Napoli del "passionale" Ferlaino fece una grande stagione nel 1981, accarezzando il sogno scudetto con Marchesi allenatore. L'anno dopo si qualificò in coppa Uefa sempre con Marchesi, ma poi la stagione successiva chiuse il girone d'andata ultima in classifica, rischiò la retrocessione e solo nel finale di campionato riuscì nell'impresa della salvezza. L'anno dopo pure fu un campionato mediocre, caratterizzato dalla costante presenza nei bassi fondi della classifica.
Tra l'altro Ferlaino cambiava direttore sportivi un anno si e l'altro pure, e negli ultimi anni della sua scellerata gestione ha messo veramente gente improponibile come dirigenti e direttori sportivi : io il romano e romanista Gianmarco Innocenti come direttore generale (che all'ultima giornata nel 1996-97 augurò a noi tifosi tutto il peggio possibile perchè dopo la sconfitta di Vicenza, ci eravamo "permessi" di criticare la società che già stava attuando il tutti via. Non a caso la jastemma ce la buttò benissimo, visto che poi facemmo 14 punti ) e l'avvocato Fusco come direttore sportivo me li ricordo ancora.
Purtroppo non esistono solo gli anni belli di Maradona, ma anche tante amarezze prima e dopo.
Grazie Giovanni, io questo volevo leggere.
Ecco, l'avvocato Fusco era uno di quelli che dicevo io, l'hai inquadrato benissimo. Che gentaglia.
moriremo tutti....ricordalo
È un dolore enorme.
É chiaro che il suo obiettivo é quello: lo scudetto, poi la Champions, dopodiché avrà sei milioni di persone ai suoi piedi pronte a tutto per lui e disposte a innalzarlo come dittatore illuminato con un colpo di stato.

Offline CharMeg

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 14042
  • Località: Frazione di un piccolo paese in provincia di Torino
  • Sesso: Maschio
  • Vecchio cazzone nonchè ziprevt
De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20392 il: 04 Febbraio, 2018, 13:00:15 pm »
Ma con Fusco ce n'erano un altro paio schifosissimi....
moriremo tutti....ricordalo
È un dolore enorme.
É chiaro che il suo obiettivo é quello: lo scudetto, poi la Champions, dopodiché avrà sei milioni di persone ai suoi piedi pronte a tutto per lui e disposte a innalzarlo come dittatore illuminato con un colpo di stato.

Online umb

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 7031
  • Località: Jacksonville FL
  • Sesso: Maschio
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20393 il: 04 Febbraio, 2018, 19:10:20 pm »
io ho iniziato a tifare col secondo scudetto, da li una lunga e lenta decadenza verso il nulla totale. unico sussulto la finale di coppa italia col vicenza di guidolin persa miseramente.

Online ferro

  • *
  • Registrazione: Ago 2011
  • Post: 13996
  • Località: Quarto
  • Sesso: Maschio
  • E' muort 'o rre, evviva 'o rre !!
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20394 il: 04 Febbraio, 2018, 19:27:04 pm »
io ho iniziato a tifare col secondo scudetto, da li una lunga e lenta decadenza verso il nulla totale. unico sussulto la finale di coppa italia col vicenza di guidolin persa miseramente.
Forse è arrivato o momento di tornare a fottertene :look:

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk

« "[..] se tra voi c'è qualche fuori-classe lo sopporterò, altrimenti per fare una grande squadra mi accontenterò soltanto dei.. grandi giocatori, cioè di quei giocatori che hanno il coraggio grande, il cuore grande. Chi non ha queste virtù non è un grande giocatore, e neanche un mediocre giocatore. È soltanto nulla, quindi può vestirsi ed andarsene subito." » [W. Garbutt ]

Online umb

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 7031
  • Località: Jacksonville FL
  • Sesso: Maschio
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20395 il: 04 Febbraio, 2018, 20:50:03 pm »
Eh però per nel primo scudetto papà mi portava allo stadio ma non capivo un cazzo. La consapevolezza è arrivata dopo. Quindi IO C'ero! M hanno fatto pure conoscere a Maradona, tengo una foto in braccio a lui solo che veramente ero piccolo e num capivo mi cazz

Offline Dhu

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 3897
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20396 il: 09 Febbraio, 2018, 17:27:52 pm »

Offline Neutrino

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 13326
  • Sesso: Maschio
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20397 il: 09 Febbraio, 2018, 19:02:04 pm »
la "sfortuna" te la chiami, sporco maiale

Offline DioBrando

  • *
  • Registrazione: Lug 2011
  • Post: 13035
  • Località: in Deutschland, wo die Krauts
  • è inutile, inutile, inutile, inutile!
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20398 il: 09 Febbraio, 2018, 20:43:14 pm »
Non offendere i maiali...:look:

Offline kolor

  • *
  • Registrazione: Lug 2010
  • Post: 15051
Re:De Laurentiis Aurelio
« Risposta #20399 il: 10 Febbraio, 2018, 14:37:39 pm »
ma quando succederà mai che io ragazzo allo stadio vedevo quel tipetto bassino contro l'Ascoli che scartava tutta la squadra avversaria e restavo col caffè borghetti in mano a bocca aperta ad ammirarlo...povero chi non l'ha vissuto...
"snobbiamo tutto snobbiamo, coppa italia, europa league...snobbiamo, poi restiamo col cazzo in mano." auto-citaz.