Autore Topic: Il calcio è in crisi nera  (Letto 1639 volte)  Share 

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Full-of-lutamma

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 2598
Re:Il Calcio è in crisi nera
« Risposta #20 il: 14 Novembre, 2009, 13:08:47 pm »
A me il discorso sul calcio italiano fa solo confusione; io voglio solo che il mio Napoli sia GRANDE, voglio che la mia squadra lotti e primeggi, voglio che la mia tifoseria si distingua per passione e signorilità ; che la Juventus si rinforzi me ne passa per lo stracazzo.
 
 Spesso ci riempiamo la bocca quando parliamo di 12° uomo in campo; ci piace sentire che un calciatore ci porti in alto come tifoseria unica e calorosa.

Provate ad immaginare uno stadio di proprietà  del Napoli a fuorigrotta... secondo me le persone ci passerebbero giornate intere; quale big d'europa si metterebbe al pari del Napoli??? ma se Stanford Bridge, l'Emirates stann semp semideserte (ci sono stato e lo so)!!! Quanti soldi porteremmo al Napoli?

E quanti danni invece facciamo al Napoli?
Per avvicinarci alle realtà  inglesi dobbiamo innanzi tutto migliorare come persone, es. capire che se lanciamo una poltrona verso il campo, se non paghiamo il biglietto, se cadiamo sempre nelle trappole che quelle merde ci fanno, se non amiamo la nostra città , ecc, facciamo un torto a noi stessi.
Quanta gente è davvero interessata a sostenere i colori? Quanti invece vann ngopp o stadio pe parià  che cumpagn???
 
 Ci serve il supporto mediatico che hanno le strisciate per fare ancora più soldi? il Presidente l'ha capito e nun è strunz.

Non vi siete mai chiesti perchè a fine di una partita De Laurentiis SPESSO dice: "Voglio sottolineare la correttezza e la passione del tifo napoletano".
Il presidente vuole che la smettano di vederci come bestie, vuole esaltarci, vuole soltanto evidenziare il nostro punto positivo, la nostra passione, farci portatori di un calcio sano, da imitare, da mettere sui giornali.  De Laurentiis si fa portavoce di questo tipo di signorilità  e ci dice di porgere la mano a chi ci insulta perchè ci crede capaci di gesti "superiori", perchè lui ci ritiene una tifoseria SUPERIORE.

Pavat' tutt quant o bigliett... e cominciate a vivere da ULTRAS... via le merde.

Si ma c c azzecc la tifoseria con il lato tecnico e giocato del nostro campionato? :dilemma:


 

Offline isab1987

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 16712
  • Località: Napoli
  • Sesso: Femmina
  • il NAPOLI non si discute, SI AMA E BASTA!
Re:Il Calcio è in crisi nera
« Risposta #21 il: 14 Novembre, 2009, 13:41:20 pm »
Mi attendo una bella discussione  :look:

La partita di sabato mi ha aperto gli occhi, abbiamo dominato una squadra che punta a vincere il campionato e a fare una sporca figura in champions.

Del campionato non mi interessa ma in chiave europea e di valore del calcio italiano la cosa mi preoccupa e non poco.

I soldi ci sono, la Rube ha speso 50 milioni per comprare chi?? Due tizi che ad oggi, non hanno fatto una cosa decente, a Diego sono bastate due partite per ricadere nell'anonimato, Ferrara ha dimostrato di non saper fare l'allenatore, il nuovo Guardiola certo ma senza Messi Xavi Iniesta  Henry ed Eto'o.....

Per me si spende male e si appara peggio, Le merde rossonere spendono 25 milioni per un tizio che non ha fatto ancora un tiro in porta in 11 giornate, ma quei soldi non potevano essere spesi meglio mi chiedo???

L'unica vera squadra rimane l'Inter e speriamo che in Europa diventi cazzuta perchè quest'anno saranno di nuovo dolori a meno che i nonnetti milanisti non abbiano uno scatto d'orgoglio ma io non farei affidamento su quella banda di lumache allenate, ahimè, da uno che di calcio giocato capisce ben poco.


Edit


La classifica è corta, cortissima, sinonimo di un campionato livellato ma in basso a mio modesto parere.

Provocazione: Cosa aspettano le Big-merde a venire a Napoli con un assegno in bianco per Hamsik??? Perchè Yepes e Marcolini giocano a Verona? E Panucci, Zaccardo e Galloppa a Parma? Per non parlare di molti giocatori del Cagliari, tipo Biondini?

in italia si deve essere continui.. e l'inter è l'unica ad esserlo.

detto cio per me il campionate s'è livellato verso l'alto.
il milan fara ridere in campionato, ma in coppa arrivera almenoai quarti, la fiorentina andra agli ottavi, la juve e l'inter sono forti proprio.

ragazzi per me le squadre italiane so diventate piu forti. l'unica ad essersi indebolita è stata il milan, ma in compenso il real nn è squadra ma nella sua campagna acquisti ha indebolito notevolmente 2 3  team inglesi.

ragazzi per me il campionato italiano sta diventando piu forte ... belli cazzi
:dignità:

Offline Hwarang

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 38553
  • Sesso: Maschio
Re:Il Calcio è in crisi nera
« Risposta #22 il: 14 Novembre, 2009, 14:17:28 pm »
Il campionato italiano è il piu' competitivo e bello del mondo, solo che la gestione politica e di immagine e' a livello amatoriale quasi.

Gli altri sanno vendere il proprio prodotto molto meglio, sfruttandone a pieno le potenzialita'.

Ragazzi, non facciamoci abbagliare dagli esterofili...non guardiamo solo Real Barà§a oppure Chelsea Manchester....è troppo semplice cosi.
"Avrei potuto non firmare tante esclusive con Aurelio. Non voglio dare la colpa a lui, la colpa ce l’ho io, anche di aver creduto alle sue promesse. Firmavo un contratto per cinque film perché avrei dovuto farne due come attore da solo, uno come regista, uno magari con Nuti e uno con Verdone. Ma poi mi spiegava che se metteva me e Verdone in un unico film ci perdeva, perché bastava uno solo ad attirare il pubblico. Mettendoci insieme incassava la metà e così mi ritrovavo a fare cinque cinepanettoni." -Christian De Sica.

Online Rage

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 5186
  • Località: Derby (UK)
  • Sesso: Maschio
  • raggia
Re:Il Calcio è in crisi nera
« Risposta #23 il: 14 Novembre, 2009, 14:21:35 pm »
Si ma c c azzecc la tifoseria con il lato tecnico e giocato del nostro campionato? :dilemma:

Il denaro che spendono i tifosi va reinvestito nell'acquisto di grandi giocatori.
Uà, a leggere a vuje pare quasi che uno deve avere una chiamata dal padreterno vestito da Piero Pelù "Vuaaaaaai a ingegnueeeeria!".   Nella diatriba tifo per Rage che [...] all'epoca della discussione della triennale, jette con il capello scuncecato, l'occhio nickuariano e la barbetta alla Castellitto. Foto che valevano molto più di mille parole su quello che ha passato e sta passanne.  
   :look:

Offline SpamMattia

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 22394
  • Sesso: Maschio
Re:Il Calcio è in crisi nera
« Risposta #24 il: 14 Novembre, 2009, 14:22:57 pm »
io credo di no. la juve sta spendendo il problema è che spende male. l'inter è fortissima e poi si stanno creando una serie di squadre di livello medio alto che in futuro potranno diventare importanti

Offline Jena Plissken

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 21950
  • Sesso: Maschio
Re:Il Calcio è in crisi nera
« Risposta #25 il: 14 Novembre, 2009, 15:14:54 pm »
Comunque i conti si fanno alla fine..diciamo però che nelle due passate stagioni il campionato inglese e spagnolo hanno dimostrato di essere più belli e forti di quello italiano...magari visti i risultati attuali si potrebbe di nuovo ribaltare la situazione,vedremo a Maggio.

Offline Full-of-lutamma

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 2598
Re:Il Calcio è in crisi nera
« Risposta #26 il: 15 Novembre, 2009, 11:24:15 am »
Il denaro che spendono i tifosi va reinvestito nell'acquisto di grandi giocatori.

Un discorso del genere puoi farlo in inghilterra o spagna rage...qui siamo in italia ed il 70 per cento degli introiti delle società  vengono dalle pay-tv....il merchandaising o comm cazz s scriv non è la voce più importante nel bilancio delle società 


 

Offline Hwarang

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 38553
  • Sesso: Maschio
Re:Il Calcio è in crisi nera
« Risposta #27 il: 15 Novembre, 2009, 13:51:55 pm »
Ma secondo me conta soprattutto COME si spende e non quanto.
E il Napoli ne è un esempio lampante di cio'....
"Avrei potuto non firmare tante esclusive con Aurelio. Non voglio dare la colpa a lui, la colpa ce l’ho io, anche di aver creduto alle sue promesse. Firmavo un contratto per cinque film perché avrei dovuto farne due come attore da solo, uno come regista, uno magari con Nuti e uno con Verdone. Ma poi mi spiegava che se metteva me e Verdone in un unico film ci perdeva, perché bastava uno solo ad attirare il pubblico. Mettendoci insieme incassava la metà e così mi ritrovavo a fare cinque cinepanettoni." -Christian De Sica.