Autore Topic: Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]  (Letto 3041 volte)  Share 

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

AyeyeBrazov

Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« il: 26 Gennaio, 2010, 01:50:07 am »
 :clap: :clap: :clap:

Offline ziumberto

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 827
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #1 il: 26 Gennaio, 2010, 23:28:36 pm »
Se parlano i risultati il vero 'magica' fu quello dello scudetto.
L'ultima sillaba in tal caso appartiene ad Andrea Carnevale.
Centravanti potente, fortissimo di testa ma bravo anche con i piedi.
All’inizio spesso gli fu preferito Caffarelli, tornante di corsa che garantiva maggiore copertura…Ma nella seconda parte del campionato, sacrificandosi anche a coprire sulla sinistra, fu determinante con i suoi gol.
Lo ricordo, a fine gara, caracollare stremato.

Poi venne Careca, un campione assoluto, e il tridente magico con Diego e Giordano.
Spettacolo.
Il Napoli più forte di tutti i tempi purtroppo a braccetto, nel ricordo, con la massima delusione della mia vita da tifoso.






Post unito automaticamente al precedente

Lo stato del Napoli l'anno prima dell'arrivo di Maradona.

Ruud krol era ormai finito.
La squadra si salvò grazie al ritorno in panchina di Marchesi e ai gol di Dirceu.

Due gol del mitico 'Pal e fierro' a Verona :ruoss: e Udine.

TUTTI I GOL DEL NAPOLI CAMPIONATO 1983/84




Serie A (a 16 squadre) 11° posto
Partite 30
Punti    26
Vittorie 7
Pareggi  12
Sconfitte  11
Gol segnati 26
Gol subiti 38
Allenatore Piero SANTIN / Rino MARCHESI
La Rosa: Castellini, Bruscolotti, Frappampina, Krol, Ferrario, Dal Fiume, Celestini, Casale, De Rosa, Dirceu, Pellegrini, (Caffarelli, Palanca, Boldini, Carannante, Masi, Di Fusco, Muro)
« Ultima modifica: 12 Febbraio, 2010, 21:09:38 pm da ziumberto »

AyeyeBrazov

Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #2 il: 28 Gennaio, 2010, 00:15:41 am »
bellissimi i video Umberto,  :clap:

Offline ziumberto

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 827
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #3 il: 28 Gennaio, 2010, 01:14:33 am »
84-85

Con Diego il Napoli acquistò Bagni, l’argentino Bertoni, il regista De Vecchi e il centravanti Penzo. In panchina fu confermato Marchesi.
Le aspettative erano molte ma la squadra partì male.
Maradona fece capire subito di che pasta fosse fatto e alla fine disputò un ottimo campionato con 14 gol in 30 presenze( terzo nella classifica dei capocannonieri dietro Platini e Altobelli) trovando una buona spalla nell'esperto connazionale.
Ma l’ossatura della squadra era ancora debole, mancava un ‘libero’ di livello in difesa (Marino non era certo un campione). A centrocampo Bagni non trovava adeguato supporto in Celestini e Dal Fiume e alcuni nuovi acquisti in ruoli chiave non si rivelarono all’altezza (De Vecchi, Penzo)
Il girone di ritorno, però, con l’ulteriore crescita di Maradona(strepitosa la tripletta al San Paolo contro la Lazio), fu buono (una sola sconfitta a Milano) e la squadra raggiunse l’ottavo posto finale.




Fiorentina Napoli 0-1 1984-85






Napoli - Lazio 4-0 1984-85




Serie A (a 16 squadre) 8° posto
Partite 30
Punti    33
Vittorie 10
Pareggi  13
Sconfitte  7
Gol segnati 34
Gol subiti 29
Allenatore Rino MARCHESI
La Rosa: Castellini, Bruscolotti, Boldini, Celestini, Ferrario, De Vecchi, Bertoni D., Bagni, Penzo, Maradona, Dal Fiume, (Di Fusco, Carannante, Caffarelli, Marino R., De Simone, Puzone)
« Ultima modifica: 12 Febbraio, 2010, 21:07:56 pm da ziumberto »

Offline signor groucho

  • *
  • Registrazione: Gen 2010
  • Post: 15267
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #4 il: 28 Gennaio, 2010, 07:23:52 am »
Maradona che saltella come un bimbo dopo il gol da calcio d'angolo (credo l'unico sul primo palo  :eek: ) è qualcosa di stupendo. Peccato che ero troppo piccolo, se fosse successo solo un paio d'anni dopo...
Alfrè ti conviene abbandonare la conversazione :look:

AyeyeBrazov

Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #5 il: 28 Gennaio, 2010, 15:51:29 pm »
Maradona che saltella come un bimbo dopo il gol da calcio d'angolo (credo l'unico sul primo palo  :eek: ) è qualcosa di stupendo. Peccato che ero troppo piccolo, se fosse successo solo un paio d'anni dopo...
:sisi: :sisi: :pianto:

Offline ziumberto

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 827
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #6 il: 03 Febbraio, 2010, 13:16:46 pm »
85-86

I venti punti del girone di ritorno della stagione precedente e le magie di Maradona fanno ben sperare, Ferlaino decide di rinforzare con decisione la squadra.
Al posto di Juliano ingaggia Italo Allodi

“Le sue mosse sono sagge e azzeccate. Assume uno dei più promettenti direttori sportivi, l’avellinese Pier Paolo Marino. Ingaggia Ottavio Bianchi come allenatore. Sistema e potenzia la squadra. Prende Garella “perché è un portiere moderno e ha vinto lo scudetto col Verona”. Strappa Alessandro Renica alla Sampdoria “perché sarà  un grande libero”. Risolleva dalla polvere Bruno Giordano che ti consentirà  di liberare la tua fantasia(ndr di Maradona). Trova il regista: è Eraldo Pecci, un sapientone del gioco con piedi grandi e illuminati. Vorrebbe Nando De Napoli, ma l’Avellino spara 6 miliardi. Ripiega su Ruben Buriani. Conferma Peppe Bruscolotti, 34 anni, ma è ancora una roccia, da 13 anni nel Napoli, e Moreno Ferrario, azzurro da otto anni. Salvatore Bagni sarà  il guerriero di un Napoli più ambizioso. Terzino sinistro fluidificante sarà  Massimo Filardi. Allodi chiede che non venga ceduto Caffarelli perché “è il più sudamericano dei napoletani”. E ci sarà  Carannante che farà  la sua parte di “palla di gomma” sulla fascia sinistra in alternativa a Filardi. Tra i rincalzi eccellenti, Raimondo Marino.”
(Mimmo Caratelli: La favola di Maradona)

Tante le soddisfazioni per i tifosi del Napoli in quel Campionato. Per lunghi tratti al secondo posto alle spalle della Juve… Diego regala alcune delle sue magie più belle. Gol al Verona da trenta metri, La mitica punizione contro la juve. I gol a San Siro contro Inter e Milan, la ’vendetta’ contro il razzismo dei veronesi(nel 2-2 del ritorno).
Bagni è un leader. L’esperto Pecci da ordine al centrocampo. Renica si conferma un grande libero.
Purtroppo in inverno qualche battuta di arresto (sconfitta al San Paolo contro il Pisa) qualche pareggio di troppo, l’infortunio a Giordano, la caviglia di Diego…Perdiamo il treno scudetto…Ottimo terzo posto finale comunque e ritorno in Europa.



Napoli Juventus 1-0 1985-86



Inter Napoli 1-1 1985-86





Serie A (a 16 squadre) 3° posto
Partite 30
Punti    39
Vittorie 14
Pareggi  11
Sconfitte  5
Gol segnati 35
Gol subiti 21
Allenatore Ottavio BIANCHI
La Rosa: Garella, Bruscolotti, Filardi, Bagni, Ferrario, Renica, Bertoni D., Pecci, Giordano, Maradona, Celestini,  (Ferrara, Marino R., Carannante, Buriani, Caffarelli, Penzo, Baiano) 
« Ultima modifica: 12 Febbraio, 2010, 21:12:19 pm da ziumberto »

Offline ziumberto

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 827
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #7 il: 12 Febbraio, 2010, 13:00:51 pm »
86-87

Le magie di Diego al mondiale 86, fanno sognare.
Il Napoli si rinforza ancora, via Bertoni per Carnevale, Nando De Napoli va ad affiancare Bagni a centrocampo (dove Pecci non rinnova), in difesa c’è la crescita esponenziale del giovane Ferrara.
Al Napoli manca un regista, è chiaro fin dalle prime partite…Si prova con Sola  :tafazzi: ma si risolve nel mercato di riparazione con Ciccio Romano (pescato in serie B tra i mugugni dei tifosi e che farà  due campionati incredibili).
Con Romano si vola.
Scudetto meritatissimo.
Tre sole sconfitte (a Firenze post-panettone, a Verona meritata, a Milano gran fitillo di Bergomi e Zenga)
Renica, Bagni e Maradona straordinari.
Indelebile la rimonta con strapotere in casa rubentina.


Esordio di Romano
Roma - Napoli 0-1 1986-87



la depressione di Nesti
Juventus - Napoli 1-3 --- Serie A 86-87 --- 9-11-1986



L'Ultimo tentativo della rube
Napoli-Juventus 2-1 - Serie A 86-87 - 29-3-1987



verso il tricolore
Napoli-Milan 2-1 - Serie A 86-87 - 26-4-1987



In Curva A…

A partit a stento si vedeva ma era una cornice.
Quanti eravamo ai tempi delle radioline... Sui gradoni SEMPE in doppia fila...  Ottantamila, Novantamila?
Sul int’ e doie curve forse.  :asd:
Nel giorno della festa non oso immaginare…Tremmava tutt cos.



Serie A (a 16 squadre) 1° posto: SCUDETTO
Partite 30
Punti    42
Vittorie 15
Pareggi  12
Sconfitte  3
Gol segnati 41
Gol subiti 21
Allenatore Ottavio BIANCHI
La Rosa: Garella, Bruscolotti, Ferrara, Bagni, Ferrario, Renica, Carnevale, De Napoli, Giordano, Maradona, Romano, (Bigliardi, Volpecina, Sola, Caffarelli, Muro, Marino R., Di Fusco)




« Ultima modifica: 12 Febbraio, 2010, 23:55:35 pm da ziumberto »

Offline bart

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 18141
  • Sesso: Maschio
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #8 il: 12 Febbraio, 2010, 16:55:28 pm »
bellissime testimonianze, grazie ziumberto :alla: :alla:


ps: scrivi qualcosa pure nel topic Napoli-Inter [LA STORIA] :look:

Offline ziumberto

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 827
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #9 il: 12 Febbraio, 2010, 23:56:25 pm »



87-88

I campioni d’Italia hanno grandi ambizioni.
Sulla fascia sinistra viene acquistato Francini.
Ferrara ha ormai scavalcato Bruscolotti.
E dal Brasile arriva l’attaccante sudamericano più forte, Careca.
Squadra Magica (in campionato 55 gol fatti di cui 36 dal trio delle meraviglie).

In coppa dei campioni acchiappammo il Real Madrid troppo presto ma al ritorno credevamo tutti nell'impresa e ricordo la parata a culo di Bujo su Careca, doveva essere il 2 a 0, fu l'anticamera del pareggio di Butragueno.(errore di Francini)  :wall:

In campionato...
Dopo 20 giornate: 16 vittorie 3 pareggi e 1 sconfitta  :sbav:
{pareggi esterni con Inter, Como e Roma (rimonta in nove uomini) e sconfitta a Milano post-panettone}

Poi al di là  delle varie teorie complottistiche io ricordo che Bagni e Romano non recuperarono bene da un infortunio, e Bagni era il motore della squadra.
Iniziarono le difficoltà , sconfitta al San Paolo contro la Roma, pareggi a Empoli e Torino.
Malgrado ciò alla 25 giornata: 18 vittorie 5 pareggi e 2 sconfitte.
Quattro punti di vantaggio sul Milan.


Poi la sconfitta a Torino contro la Juve…
Frattura tra allenatore e giocatori (vedi la reazione di Bagni alla sostituzione contro la Juve e poi nella decisiva sfida col Milan).
Milan a meno 2

Pareggio a Verona e la squadra di Sacchi vince il derby. Meno uno.

Ricordo Maradona in Tivvù invitare la gente ad aiutare la squadra con tutte le forze, nella settimana di Napoli – Milan.
E Diego, Careca e il pubblico furono gli ultimi a cadere.


Rimonta in nove(bellissimo video)

ROMA-NAPOLI=1-1 1987/88 CAMPIONATO SERIE A



La caduta.

Juventus-Napoli 3-1 Serie A 87-88 17-4-88



 :imp:

(1/2) Napoli-Milan 2-3 Serie A 87-88 1-5-88






Serie A (a 16 squadre) 2° posto
Partite 30
Punti    42
Vittorie 18
Pareggi  6
Sconfitte  6
Gol segnati 55
Gol subiti 27
Allenatore Ottavio BIANCHI
La Rosa: Garella, Ferrara, Francini, Bagni, Ferrario, Renica, Careca, De Napoli, Giordano, Maradona, Romano, (Carnevale, Filardi, Bigliardi, Miano, Sola, Bruscolotti, Baiano, Di Fusco)



« Ultima modifica: 13 Febbraio, 2010, 02:10:25 am da ziumberto »

Offline bart

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 18141
  • Sesso: Maschio
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #10 il: 13 Febbraio, 2010, 00:15:07 am »
cosa mi sono perso :pianto:

ziumberto ma sbaglio o prima che venisse Romano Ferlaino aveva già  preso un regista dal Foggia (il nome non me lo ricordo) che però non arrivò più a causa di un brutto infortunio che lo tenne fermo a lungo?

Offline ziumberto

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 827
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #11 il: 13 Febbraio, 2010, 00:38:32 am »
Questo non lo ricordo... Si facevano tanti nomi...
Di Romano si ricordava un grandissimo gol (quando era al Milan se non sbaglio), con conclusione al volo dopo un palleggio in corsa...Tanti i dubbi al suo acquisto, però devo dire che seppur fisicamente non dotato, tecnicamente e come metronomo era veramente bravissimo.
Dopo un lungo infortunio non si ritrovò e il terzo anno fece molta panchina.

Offline bart

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 18141
  • Sesso: Maschio
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #12 il: 13 Febbraio, 2010, 01:27:19 am »
mah, forse mi sbaglio... cercando un po' sul web ho trovato un articolo proprio di quei giorni.

100 MILIARDI DOPO SOTTO RE MARADONA...
Repubblica — 14 ottobre 1986   pagina 48   sezione: SPORT

NAPOLI - Cinque anni e cento miliardi per raggiungere la Juve. La rincorsa del Napoli cominciò il 12 aprile 1981. Nel giorno della sconfitta più dura e banale: perse con il Perugia, da tempo in disarmo, ultimo in classifica con un terzo dei suoi punti. Non rimediò in 89 minuti all' autogol di Ferrario. "Eravamo sicuri di aver vinto il nostro primo scudetto, proprio sicuri..." Non c' è più Antonio Juliano. Gioca a tennis, accompagna i figli in un istituto di barnabiti a Posillipo, cura con discrezione le sorti di una flotta di Torre del Greco, ha dei carati; e l' armatore in questi giorni punta addirittura a rilevare le navi lasciate da Achille Lauro in un mare di debiti. C' è ancora Ferlaino, è il suo diciottesimo Napoli, ed è la terza sfida alla Juve in dodici anni. La prima fu affidata a Vinicio, che nel ' 75 dominava il campionato con il suo spirito riformista. Erano tempi difficili, la Nazionale un anno prima era crollata a Stoccarda, mondiali tedeschi del ' 74. Ancora lontani, impensabili i trionfi della gestione di Bearzot. "Dei tre è il Napoli più forte: ha un giocatore di grandissimo estro ed un gruppo di giocatori compatti, pronti al sacrificio e all' impegno più duro. Un Napoli di ferro. Abbiamo lavorato in questi anni. Cinque anni difficili. Ora è tutto diverso, è un Napoli che può vincere lo scudetto piazzandosi stabilmente ai vertici nel campionato. Prima o poi...". Corrado Ferlaino in cinque anni ha vinto anche le sue paure segrete. Due bombe, ciascuna con tre etti di tritolo, prima dell' incontro di Coppa Uefa con il Kaiserslautern, ottobre 81, esplosero sotto casa e allo stadio, portando un messaggio della camorra. "Sono stati anni d' inferno: lavorando, lavorando, ne siamo usciti, ed anche bene". Il Napoli ne esce con Maradona, acquistato nel giugno ' 84 per otto milioni di dollari. Il calo ha favorito il saldo: la prima rata quando la divisa statunitense era quotata circa 1700 lire, la terza ed ultima a meno di 1400. L' operazione fu sostenuta dal sindaco dell' epoca, Enzo Scotti. Ferlaino l' ha incontrato in aereo domenica, nel volo da Roma a Napoli. "Hai visto il tuo Maradona, primo in classifica?". E Scotti: "Sono felice, ma non mollate. Ho visto appena la Juve in tv. Non mollate, lo scudetto possiamo vincerlo noi stavolta, sai? Salutami Maradona povero ragazzo, l' avrà  paralizzato quella vicenda, la televisione in quell' occasione ha giocato un ruolo non suo...". Un giornalista è intervenuto con una battuta: visto che a Napoli funziona solo il Napoli, perchè non sostiene Ferlaino come nuovo sindaco? Scotti non ha sorriso. "E' una cosa seria, in una lista Dc rinnovata, certo, glielo sto dicendo...". Ferlaino l' ha ringraziato: "Eri così bravo tu, ci aiutasti anche per prendere Maradona, tu sei stato un ottimo sindaco...". E Scotti: "Non me l' hanno lasciato più fare, che vuoi?". Il vicesegretario della Dc ha anche anticipato una curiosa iniziativa: "Con Romiti mi sono divertito, dopo l' ultima vittoria del Napoli sulla Juve. Ma ad Agnelli dirò che la Fiat assorbendo l' Alfa, dovrà  pensare un po' anche al Napoli, non solo alla Juve. La Fiat non vende solo macchine in Italia, è un polo della società ". Ne era convinto: "Ma sì, Agnelli sarà  felice, gli piace vincere sempre, e questa è l' occasione, uno scudetto al sud ed uno al nord, si divertirà , lui vuol sempre vincere...". Ferlaino ammira la Juve. "Le invidio proprio questo: l' abitudine a vincere. Bravo Marchesi, bravissimo. L' avversario che temo di più. E' stato a Napoli. E Bianchi è molto simile a lui. Andrò anche a Madrid, a tifare Juve. Una squadra che merita rispetto". Ferlaino ha respinto le critiche: "Non è vero che il Napoli giochi male. Chi gioca bene? Berlusconi e Pellegrini hanno promesso un 5-4, nel derby di Milano. Poi? Anzi, se vi fosse una classifica della spettacolarità , il Napoli sarebbe più avanti della Juve. Non fosse altro: offre Maradona ogni domenica, garanzia di spettacolo. Maradona vale sempre un biglietto...". Ferlaino vorrebbe venderne di più. "Il Comune non ha ampliato il San Paolo. Ventimila biglietti in più a prezzi più bassi. Invece, siamo fermi ad un introito globale di trenta miliardi. Il Napoli potrebbe vendere il prodotto e non può. Contro ogni legge di mercato". C' è una proposta di Giuseppe Scalera, assessore Dc. Il San Paolo a Napoli in gestione per vent' anni. Gratis intanto il Napoli si è assicurato anche un regista. Francesco Romano, 26 anni, della Triestina. Una strategia studiata da Ferlaino con il direttore generale Marino. Ha preceduto la Lazio ingaggiando il ventiquattrenne Bigliardi del Palermo. Ha costretto la Lazio a chiedergli un difensore: le ha dato Raimondo Marino, per 1800 milioni. Nello stesso giorno, mercoledì scorso, a Trieste c' era Pierpaolo Marino: per Romano. I soldi della Lazio girati alla Triestina, ed ora Bianchi ha il Napoli più difficile da guidare. "Può arrivare solo primo", dicono i tifosi. Un atteggiamento che non dispiace alla società . Per Napoli-Atalanta previsto oltre un miliardo d' incasso. Napoli-Atalanta, avete letto bene. - di ANTONELLO MARINAI



che operazione di mercato :sbav:

Napoli-Atalanta oltre un miliardo d'incasso... :eek:

Offline ziumberto

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 827
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #13 il: 13 Febbraio, 2010, 02:29:22 am »
Secondo me eravamo sempre minimo in centomila ... :sisi:

...In tal caso per vedere Garella fare un assist ad Incocciati. :asd:
Ricordo il grande Garellik 'nderr, a panza sott (pe nu par e minut), mani in testa, bombardato dai fischi. :rotfl:
 
« Ultima modifica: 13 Febbraio, 2010, 02:31:15 am da ziumberto »

Offline ziumberto

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 827
Re:Ma.Gi.Ca. [LA STORIA]
« Risposta #14 il: 08 Marzo, 2010, 23:39:35 pm »
 :zzz:
« Ultima modifica: 02 Dicembre, 2010, 00:03:35 am da ziumberto »