Autore Topic: Wild Wild Country  (Letto 463 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Alemao

Wild Wild Country
« il: 14 Giugno, 2019, 13:47:48 pm »





Non è una serie tv, ma un documentario sviluppato in 6 parti disponibile su Netflix, che ricostruisce le vicende del culto di Osho Rajneesh. Sicuramente ne avrete sentito parlare di questo personaggio e/o avrete visto i numerosi meme a lui dedicati. Questo bizzarro santone indiano predicava la fusione di Oriente e Occidente, prendendo dall'Oriente tutto lo spiritualismo possibile e (da buongustaio del lusso) dall'Occidente tutto il materialismo e il consumismo, fondendoli in quello che doveva nascere ed ergersi come l'Uomo Nuovo. Faceva sfoggio di gioielli, orologi da 1 mln di dollari, possedeva, ostentandole, decine di Rolls Royce e diversi aerei privati. Il culto di Osho negli anni '70 e '80 era diffuso ovunque, anche qui in Italia (qualcuno si ricorda di Mauro Rostagno?). Una tranquilla mattinata ad Antelope, in Oregon, 50 abitanti in tutto, i vecchi che qui passano i giorni, godendosi la pensione, vedono una vrangata di gente vestita in modo strano, tutta di rosso e una Rolls Royce poco dopo raggiunge un ranch acquistato dalla segretaria del santone (Sheela). Osho decide di trasferirsi in Oregon per fuggire dalla probabile incarcerazione in India per frodi con il fisco e ripetute violazioni della legge indiana. Qui acquista un territorio di 350 km quadrati e decide che deve essere fondata una nuova città. Dal nulla nel 1981 sorge Rajneeshpuram. Il Santone predica il sesso libero, lo sfogo di tutte le energie negative attraverso confronti di gruppo purificatori e danze sfrenate rigorosamente nudi, oltre a spronare gli adepti a farsi partecipi del materialismo più selvaggio. Sembra l'inizio di un idillio, raccontato da Sheela e dai membri di più alto lignaggio nel culto e così è stato, fino a quando non si scopre che....

Questo è un documentario imperdibile, fatto con i controcoglioni. Vieni catapultato in una comunità utopica che si rivela, attraverso testimonianze e filmati d'epoca, come qualcosa di più sinistro e inquietante ed è montato e girato davvero bene. Parte lento con le testimonianze degli abitanti di Antelope che si vedono arrivare in paese gente strana e poi il ritmo si fa sempre più serrato fino a tenerti incollato allo schermo per capire come andrà a finire. Vivamente consigliato.
« Ultima modifica: 14 Giugno, 2019, 13:50:55 pm da Alemao »