Partenopeo.net - Forum Calcio Napoli

Off-topic => Multimedia => Serie TV => Topic aperto da: Starfred - 14 Dicembre, 2015, 10:32:56 am

Titolo: Bojack Horseman
Inserito da: Starfred - 14 Dicembre, 2015, 10:32:56 am
(http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/d/dc/BoJack_Horseman.jpg)

Un cavallo è il protagonista della produzione originale Netflix a cartoni, che in realtà è un attore fallito, egoista, paranoico ed irresponsabile con una vita devastata dall'alcool e non solo.
Se questo non vi basta, vi dico che è forse la migliore cosa che potrete trovare sul noto servizio di streaming online: è praticamente un cartone animato che potrebbe essere stato scritto da Woody Allen per il retrogusto agrodolce presente in ogni puntata.
Dal quinto -  sesto episodio della prima serie si apre uno show incredibile che mi ha spesso lasciato con una sfaccimma di sensazione terribile tra le varie risate, veramente una piccola perla di scrittura e tempi di scena.

Tra demenzialtà e struttura seriale (ha il format di una vera e propria serie TV, gli episodi non sono autoconclusivi), è forse una delle cose migliori che abbia visto in questi anni. Una piccola perla nel suo genere che segnerà un modo nuovo di approcciarsi ai cartoni "per adulti".

Vedetelo.
Titolo: Re:Bojack Horseman
Inserito da: joint - 14 Dicembre, 2015, 16:24:39 pm
scrivi solo quando il napoli va male, l'ota
Titolo: Re:Bojack Horseman
Inserito da: papasouth - 14 Dicembre, 2015, 21:08:10 pm
fantastico... per altro gli voglio proprio bene a Bojack...
Titolo: Re:Bojack Horseman
Inserito da: Moebius - 14 Dicembre, 2015, 21:16:29 pm
lo guarderò
Titolo: Bojack Horseman
Inserito da: Starfred - 09 Agosto, 2016, 16:51:59 pm
Finita la terza stagione. È Cristo.
Il Boris dei cartoni animati.
Titolo: Re:Bojack Horseman
Inserito da: SpamMattia - 09 Gennaio, 2018, 14:35:38 pm
Bojack è Dio, anche se la cosa più apprezzabile è la voce di Todd/Pinkman :love: Mr. Peanutbutter è forse il miglior personaggio mai creato da una serie Netflix :asd:
Titolo: Re:Bojack Horseman
Inserito da: SpamMattia - 01 Ottobre, 2018, 13:00:07 pm
alf, che ne pensi della nuova stagione?
Titolo: Bojack Horseman
Inserito da: ferro - 09 Dicembre, 2018, 19:59:42 pm
Wow la puntata del monologo "Eulogy - Ilogy " è fantastica.

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Titolo: Re:Bojack Horseman
Inserito da: Starfred - 31 Dicembre, 2018, 03:48:17 am
alf, che ne pensi della nuova stagione?

leggo solo ora, scusami.
In poche parole: tutto il male possibile. Per me hanno completamente distrutto uno show.
Stagione scritta con il me too e i fatti di Spacey negli occhi, praticamente è una merda metanarrativa che passa 12 puntate da più o meno 25 minuti a spiegarti perché non bisogna empatizzare con gli "antieroi", usando la metafora della serie TV di Philbert. Un enorme pippotto sul perché Don Draper, Walter White, Frank Underwood, i cristiani di Gomorra e chi ne ha più ne metta non sono personaggi da emulare o da utilizzare in maniera espiativa dei propri errori, veramente uno schifo da far cadere le braccia e figlio dell'America benaltrista che ormai si vergogna, in senso letterale, di scrivere di Umanità a 360 gradi. Una normalizzazione con tanto di discesa negli inferi della tossicodipendenza di Bojack del tutto gratuita, una demonizzazione gratuita. Bojack è una latrina, è un uomo, anzi un cavallo, tossico ma ha una malinconia che lo rende magnetico e tutto sommato se non giustificare ti fa capire perché tenda a punirsi facendo quello che fa, veramente c'era bisogno di scrivere dialoghi come quello tra lui e Diane di fine stagione "Sarah Lynn è morta e tu stai qua, sei un mostro non una vittima" ? E perchè Bojack ha mai negato di essere uno schifo di creatura ?

Tutto ciò rafforza in me l'idea che oggi, alla fine degli anni dieci, sarebbe impossibile scrivere una serie come Mad Men e con quel finale poi, un climax discendente, un percorso di dannazione e non di redenzione/riabilitazione che tanto piace agli americani. La puntata su quello che dava addosso alle minoranze e poi veniva perdonato è il massimo, un'apologia della damnatio memoriae, che peccato davvero.