Autore Topic: L'angolo dei filmettari - Topic di discussione generale  (Letto 231504 volte)  Share 

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Bruce Colotti

  • *
  • Registrazione: Ago 2012
  • Post: 3148
  • Località: RomaMMerda
  • Sesso: Maschio
  • Brigadiere, come vede, si lavicchia!
Re:L'angolo dei filmettari - Topic di discussione generale
« Risposta #6480 il: 17 Luglio, 2017, 10:37:55 am »
Solo brutte notizie dal mondo del cinema e della musica quest'anno  :nono:
ho venerato la prima trilogia zombie (la seconda è merda) specialmente i primi due,il secondo è un'ottima critica al capitalismo reaganiano al pari di essi vivono di carpenter..come dimenticare la scena del supermercato
Poi mi sono piaciuti anche la città verrà distrutta all'alba che credo sia la fonte per diversi film apocalittici italiani tipo incubo sulla città contaminata di lenzi e il film sulla scimmia che impazzisce,non ricordo il titolo.
Tutti film indipendenti girati con budget bassissimi.altri tempi.
guarda sulla seconda trilogia non sono affatto d'accordo. Soprattutto Diary of the Dead lo trovo davvero definitivo rispetto a tutta la serie di film girati in stile documentario. La spiegazione in incipit che il film amatoriale è stato sottoposto ad una sorta di psudo post produzione dall'autore stesso (con aggiunta di sonoro, colonna sonora, montaggio etc.etc.) è molto di più di metacinema. E se permettete ha insegnato un pò a tutti gli pseudo cineasti di sto cazzo come si usa una camera a spalla e come ogni cazzo di inquadratura riesce ad essere momento narrativo oltre i dialoghi, oltre la sceneggiatura. Con questo film ha chiaramente mostrato che se si vuole procedere con l'utilizzo del digitale, con lo stile falso documentario, con l'utilizzo della camera a spalla come strumento principale dello stile narrativo cinematografico allora bisogna far riferimento a questo film e a romero...non ci stanno cazzi.

Offline Moebius

  • *
  • Registrazione: Lug 2010
  • Post: 27778
  • Sesso: Maschio
Re:L'angolo dei filmettari - Topic di discussione generale
« Risposta #6481 il: 17 Luglio, 2017, 10:45:43 am »
Appena posso li riguardo bruce
Li ho visti tutti e 6 tanti anni fa e la seconda trilogia non resse secondo me minimamente il confronto con la prima,anzi,li trovai proprio brutti
Poi non è che la tecnica o lo stile di regia/montaggio siano gli unici parametri o i più  importanti per giudicare un film eh.
Ti farò sapere
ragazzi, cercate di non esagerare con le bestemmie

Online calvin

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 22186
  • Località: Napoli
  • Sesso: Maschio
Re:L'angolo dei filmettari - Topic di discussione generale
« Risposta #6482 il: 17 Luglio, 2017, 10:50:03 am »
guarda sulla seconda trilogia non sono affatto d'accordo. Soprattutto Diary of the Dead lo trovo davvero definitivo rispetto a tutta la serie di film girati in stile documentario. La spiegazione in incipit che il film amatoriale è stato sottoposto ad una sorta di psudo post produzione dall'autore stesso (con aggiunta di sonoro, colonna sonora, montaggio etc.etc.) è molto di più di metacinema. E se permettete ha insegnato un pò a tutti gli pseudo cineasti di sto cazzo come si usa una camera a spalla e come ogni cazzo di inquadratura riesce ad essere momento narrativo oltre i dialoghi, oltre la sceneggiatura. Con questo film ha chiaramente mostrato che se si vuole procedere con l'utilizzo del digitale, con lo stile falso documentario, con l'utilizzo della camera a spalla come strumento principale dello stile narrativo cinematografico allora bisogna far riferimento a questo film e a romero...non ci stanno cazzi.

Tutto vero Diary of dead è un film che ha tantissimi spunti interessantissimi, ma per me gli manca un poco l'aura "sporca" della prima trilogia...per contenuti, per spunti metacinematografici, per la enorme modestia di un maestro che non fa il maestro ma si mette a confronto con le nuove leve e, soprattutto, per la rinata capacità di usare l'horror esclusivamente come spunto per un cinema politico-sociologico (che è stata la vera cifra stilistica del miglior romero) è un ottimo film. Però proprio del punto di vista delle dinamiche orrorifiche e della regia è poco moscio ed è un peccato...alla fine, paradossalmente, è moto più riuscito come horror survival of the dead, che è invece un film molto peggiore.




Offline FistingTopo

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 16882
  • Località: Napoli
  • Sesso: Maschio
  • ich liebe dich
Re:L'angolo dei filmettari - Topic di discussione generale
« Risposta #6483 il: 17 Luglio, 2017, 11:51:47 am »
Riposa in pace maestro!
E non tornare per mangiarti le nostre membra

Appena ho letto questa frase ho capito subito di chi si trattava (non ho letto giornali questa mattina, non lo sapevo). Un altra perdita gravissima.


Tutto vero Diary of dead è un film che ha tantissimi spunti interessantissimi, ma per me gli manca un poco l'aura "sporca" della prima trilogia...per contenuti, per spunti metacinematografici, per la enorme modestia di un maestro che non fa il maestro ma si mette a confronto con le nuove leve e, soprattutto, per la rinata capacità di usare l'horror esclusivamente come spunto per un cinema politico-sociologico (che è stata la vera cifra stilistica del miglior romero) è un ottimo film. Però proprio del punto di vista delle dinamiche orrorifiche e della regia è poco moscio ed è un peccato...alla fine, paradossalmente, è moto più riuscito come horror survival of the dead, che è invece un film molto peggiore.



Diary of dead penso sia stato anche un suo volersi confrontare con un nuovo stile di cinema che negli ultimi anni sta spopolando, specialmente nel horror, da Cloverfield a Rec. Secondo me esperimento riuscitissimo.
Per il resto vi dirò che l'alba dei morti viventi (in inglese down of the dead) del 68 (se non erro) con i zombi truccati con un po di mascara leggermente azzurrino, mi ha dato molta più tensione della rivisitazione di zack snyder  :look:



Offline Bruce Colotti

  • *
  • Registrazione: Ago 2012
  • Post: 3148
  • Località: RomaMMerda
  • Sesso: Maschio
  • Brigadiere, come vede, si lavicchia!
Re:L'angolo dei filmettari - Topic di discussione generale
« Risposta #6484 il: 17 Luglio, 2017, 12:29:31 pm »
Appena ho letto questa frase ho capito subito di chi si trattava (non ho letto giornali questa mattina, non lo sapevo). Un altra perdita gravissima.

 

Diary of dead penso sia stato anche un suo volersi confrontare con un nuovo stile di cinema che negli ultimi anni sta spopolando, specialmente nel horror, da Cloverfield a Rec. Secondo me esperimento riuscitissimo.
Per il resto vi dirò che l'alba dei morti viventi (in inglese down of the dead) del 68 (se non erro) con i zombi truccati con un po di mascara leggermente azzurrino, mi ha dato molta più tensione della rivisitazione di zack snyder  :look:
ma zack snyder deve solo morire...il più presto possibile

Online calvin

  • *
  • Registrazione: Dic 2009
  • Post: 22186
  • Località: Napoli
  • Sesso: Maschio
Re:L'angolo dei filmettari - Topic di discussione generale
« Risposta #6485 il: 17 Luglio, 2017, 12:49:09 pm »
ma zack snyder deve solo morire...il più presto possibile

George pensaci tu!!!!!

Offline FistingTopo

  • *
  • Registrazione: Giu 2011
  • Post: 16882
  • Località: Napoli
  • Sesso: Maschio
  • ich liebe dich
Re:L'angolo dei filmettari - Topic di discussione generale
« Risposta #6486 il: 17 Luglio, 2017, 14:00:12 pm »
George pensaci tu!!!!!

Si ma gli consiglierei di scartare il cervello ... non vorrei che una mente zombesca cosi brillante fosse inquinata dalla merda liquida  :sisi:


Comunque ho commesso un errore, mi riferivo a Zombie di Romero per quanto riguarda il paragone con la merda di zack snyder, no a down of the dead. Scusate, piccola défaillance.