Autore Topic: Ricorso conto tv, la serie a può perdere 571 mln di euro  (Letto 308 volte)  Share 

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline cavallopazzo

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 37316
  • Località: petit paris
  • Sesso: Maschio
Ricorso conto tv, la serie a può perdere 571 mln di euro
« il: 13 Maggio, 2010, 08:49:32 am »
Se il Tribunale di Milano accogliera' il ricorso di Conto Tv contro la gara per l'assegnazione dei diritti televisivi delle prossime due stagioni, la sopravvivenza dei club di Serie A potrebbe essere messa a rischio. Lo afferma la Lega calcio in una nota.

In particolare, si legge nel comunicato, ''Le Societa' di Serie A attendono con serenita' l'esito del procedimento avanti il Tribunale di Milano confermando la piu' totale fiducia nell'Istituzione Giudiziaria. Nel merito, ritengono inverosimile pensare che il ricorso dell'emittente Conto TV possa essere accolto, in quanto privo di qualsiasi fondamento. La Lega Calcio, come e' normale che sia, ha scrupolosamente osservato sia le disposizioni di legge sia quelle che sono state via via emanate dalle Autorita' Garanti nazionali: AGCM e AGCom. Le procedure eseguite sono state altresi' verificate e convalidate dalla competente Commissione di Bruxelles. Viceversa, non e' normale che un operatore che non ha mostrato alcun serio interesse ad acquisire i diritti in oggetto, e che per di piu' e' inadempiente ad un precedente contratto con la Lega, rischi di bloccare l'attivita' delle societa' calcistiche e dell'intero mondo del calcio italiano. E' significativo, a conferma della pretestuosita' dell'azione di Conto TV, il fatto che questa non abbia mai partecipato alle procedure di assegnazione dei diritti la cui legittimita' contesta. Non si vogliono disegnare scenari catastrofici, ma non e' difficile immaginare quello che potrebbe accadere a danno delle Societa' di calcio, degli appassionati e in generale di un comparto estremamente produttivo del panorama economico nazionale, nel caso in cui il ricorso di Conto TV fosse accolto''.

''Come e' noto, le Societa' di calcio traggono dalla licenza dei diritti audiovisivi in questione buona parte del loro fatturato. Nel caso in cui ne fossero private - avverte quindi la Lega - le Societa' di Serie A vedrebbero pregiudicata la loro sopravvivenza, e con esse le Societa' delle categorie inferiori che vedrebbero sparire le ingenti risorse ridistribuite all'interno del sistema calcistico nazionale''.

fonte (tn)