Autore Topic: Ingegneria alla Federico II  (Letto 68761 volte)  Share 

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Genny Fenny

  • *
  • Registrazione: Apr 2011
  • Post: 21962
  • Voglia di Partenope
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #40 il: 28 Giugno, 2012, 12:13:41 pm »
Uà, a leggere a vuje pare quasi che uno deve avere una chiamata dal padreterno vestito da Piero Pelù "Vuaaaaaai a ingegnueeeeria!".

Le persone appassionate sono poche ovunque, se no il mondo non sarebbe così merdaiuolo.
Certi studi più impegnativi richiedono volontà e sacrificio. Poi se a uno piace, tanto meglio.
Non la fate tanto lunga, jamme.

Comunque a leggere il post del ragioniere ho l'impressione che stia prendendo la decisione in maniera superficiale.

Nella diatriba tifo per Rage, che mi colpì all'epoca della discussione della triennale, che jette con il capello scuncecato, l'occhio nickuariano e la barbetta alla Castellitto. Foto che valevano molto più di mille parole su quello che ha passato e sta passanne.  :look:

Mimmo acqualota non può biasimare il crescente popolo degli studenti. In fondo, pure sotto costrizione, è meglio gente che sa di qualcosa che gente che nun sape nu cazz.

La mia posizione è questa. Se avete passioni sviluppatele nel tempo libero. All'università fate qualcosa di altamente qualificante nel campo che più vi aggrada.
Parliamoci chiaro, è una scelta che serve a rimandare l'ingresso nel mondo del lavoro e a prospettare un impiego da espletare incravattati e con l'aria condizionata. Ha un suo perché.
Dico accussì perché fa triste vedere gente laureata bene in lettere moderne o scienze politiche stare al tuo tavolo per una selezione presso una società di revisione contabile.

falceEmarcello

Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #41 il: 28 Giugno, 2012, 12:14:10 pm »
Di questo già capitò che ne parlammo. Io sto cercando lavoro. Mi sveglio da qualche mese ormai la mattina e non so che cazzo fare. Provo ad approfondire qualche argomento, Java, Database, C++, LTE, Radar, tutto ciò che penso potrà servirmi, ma ovviamente fatto così diventa vano. Ti assicuro che è una situazione snervante, l'ozio ha valore solo se accompagnato dal lavoro. Secondo me il tuo discorso è anche figlio del fatto che lavori. Prova a rimanere fermo e vedi come il non avere nulla da fare, passato il transitorio di vacanza, ti debilita. Io ora pagherei per lavorare!
ma questo e' ovvio cla'
io dopo 2 settimane di ferie rischio di impazzire eh 

Offline acquaLOTA

  • *
  • Registrazione: Lug 2010
  • Post: 12056
  • Località: casoria
  • Sesso: Maschio
  • No To Racism!Balotelli Turkey Lovers
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #42 il: 28 Giugno, 2012, 12:16:06 pm »
vabbuo' ja hai ragion
ti riporto solo questo pezzettino

Ad esempio adesso io sto parlando con te dal mio ufficio con l'area condizionata, se fossi stato contadino starei a spalare merda di cavallo sotto il sole a 40 gradi e ti assicuro che la passione non ti asciutta il sudore
si ma tu ti senti gratificato in questo? pensa al contadino cosa dovrebbe dire di te che stai dlla mattina alla sera attaccato a una sedia e a uno schermo e hai passato tutta la tua gioventù chiuso in camera con la capa sui libri a sudare, potrebbe pensare la stessa cosa di te. ripeto sono scelte di vita ognuno scegli il meglio per se. la differenza la fanno le motivazioni, ora per te una motivazione è quella di pigliare lo stipendio facendo 8 ore al giorno per 60 anno qualcosa che non ti piace ma almeno ti pui fare 2 settimane di ferie assicurate all'anno oppure vivere unendo il lavoro al piacere, pur sapendo che non è sempre facile raggiungere questo obiettivo. bisogna capire cosa intendi tu per piacere, è li il punto.




Offline SpamMattia

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 22394
  • Sesso: Maschio
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #43 il: 28 Giugno, 2012, 12:16:30 pm »
ah, quoto chi prima ha detto di non ascoltare chi non ha mai fatto ingegneria... :look:

AyeyeBrazov

Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #44 il: 28 Giugno, 2012, 12:16:58 pm »
Una mia risposta non aiuterebbe il ragioniere, quindi non dico la mia :silenzio:

Offline Rage

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 5185
  • Località: Derby (UK)
  • Sesso: Maschio
  • raggia
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #45 il: 28 Giugno, 2012, 12:20:13 pm »
Uà, a leggere a vuje pare quasi che uno deve avere una chiamata dal padreterno vestito da Piero Pelù "Vuaaaaaai a ingegnueeeeria!".

Nella diatriba tifo per Rage, che mi colpì all'epoca della discussione della triennale, che jette con il capello scuncecato, l'occhio nickuariano e la barbetta alla Castellitto. Foto che valevano molto più di mille parole su quello che ha passato e sta passanne.  :look:


 :rotfl:

Negregati uai, ma sono ancora un classe '88 (cit.)
Uà, a leggere a vuje pare quasi che uno deve avere una chiamata dal padreterno vestito da Piero Pelù "Vuaaaaaai a ingegnueeeeria!".   Nella diatriba tifo per Rage che [...] all'epoca della discussione della triennale, jette con il capello scuncecato, l'occhio nickuariano e la barbetta alla Castellitto. Foto che valevano molto più di mille parole su quello che ha passato e sta passanne.  
   :look:

falceEmarcello

Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #46 il: 28 Giugno, 2012, 12:20:45 pm »
si ma tu ti senti gratificato in questo? pensa al contadino cosa dovrebbe dire di te che stai dlla mattina alla sera attaccato a una sedia e a uno schermo e hai passato tutta la tua gioventù chiuso in camera con la capa sui libri a sudare, potrebbe pensare la stessa cosa di te. ripeto sono scelte di vita ognuno scegli il meglio per se. la differenza la fanno le motivazioni, ora per te una motivazione è quella di pigliare lo stipendio facendo 8 ore al giorno per 60 anno qualcosa che non ti piace ma almeno ti pui fare 2 settimane di ferie assicurate all'anno oppure vivere unendo il lavoro al piacere, pur sapendo che non è sempre facile raggiungere questo obiettivo. bisogna capire cosa intendi tu per piacere, è li il punto.

sisi mi hai inquadrato proprio bello ... te l'ho detto hai ragione
Stai facendo il discorso ponendolo sulla base "filosofica" del fare quello che piace e, visto la tua esperienza (che apprezzo), sei il meno indicato a farlo perche' parli tenendo presente la TUA posizione e quindi ti abbrucia o cul
consigliamo a simone di fare filologia semiotica c'e' sempre bisogno di qualcuno che dia un'ulteriore interpretazione della stele di rosetta o al codice di hammurabi
oppure puo' sempre diventare milionario pubblicando un blog  :sisi:
« Ultima modifica: 28 Giugno, 2012, 12:22:59 pm da F&Marcello »

Offline dostoieschi

  • *
  • Registrazione: Nov 2010
  • Post: 9835
  • Sesso: Maschio
  • There was nothing to fear. Nothing to doubt.
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #47 il: 28 Giugno, 2012, 12:23:06 pm »
Uà, a leggere a vuje pare quasi che uno deve avere una chiamata dal padreterno vestito da Piero Pelù "Vuaaaaaai a ingegnueeeeria!".

Le persone appassionate sono poche ovunque, se no il mondo non sarebbe così merdaiuolo.
Certi studi più impegnativi richiedono volontà e sacrificio. Poi se a uno piace, tanto meglio.
Non la fate tanto lunga, jamme.

Comunque a leggere il post del ragioniere ho l'impressione che stia prendendo la decisione in maniera superficiale.

Nella diatriba tifo per Rage, che mi colpì all'epoca della discussione della triennale, che jette con il capello scuncecato, l'occhio nickuariano e la barbetta alla Castellitto. Foto che valevano molto più di mille parole su quello che ha passato e sta passanne.  :look:

Mimmo acqualota non può biasimare il crescente popolo degli studenti. In fondo, pure sotto costrizione, è meglio gente che sa di qualcosa che gente che nun sape nu cazz.

La mia posizione è questa. Se avete passioni sviluppatele nel tempo libero. All'università fate qualcosa di altamente qualificante nel campo che più vi aggrada.
Parliamoci chiaro, è una scelta che serve a rimandare l'ingresso nel mondo del lavoro e a prospettare un impiego da espletare incravattati e con l'aria condizionata. Ha un suo perché.
Dico accussì perché fa triste vedere gente laureata bene in lettere moderne o scienze politiche stare al tuo tavolo per una selezione presso una società di revisione contabile.

Eh. Questo ragionamento è alla base della crisi economica globale.

falceEmarcello

Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #48 il: 28 Giugno, 2012, 12:24:09 pm »
Che poi tralatro l'ho gia' detto io a simone non consiglio ingegneria ASSOLUTAMENTE.
Se i tuoi genitori possono darti un mano devi fare il DENTISTA

Offline Genny Fenny

  • *
  • Registrazione: Apr 2011
  • Post: 21962
  • Voglia di Partenope
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #49 il: 28 Giugno, 2012, 12:25:26 pm »
Eh. Questo ragionamento è alla base della crisi economica globale.

Non è l'offerta che è cambiata ma la domanda.
Stiamo diventando una società di servizi, sono richiesti uomini di scienze.
Secondo me inverti il rapporto causa effetto.

Offline acquaLOTA

  • *
  • Registrazione: Lug 2010
  • Post: 12056
  • Località: casoria
  • Sesso: Maschio
  • No To Racism!Balotelli Turkey Lovers
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #50 il: 28 Giugno, 2012, 12:26:36 pm »
sisi mi hai inquadrato proprio bello ... te l'ho detto hai ragione
Stai facendo il discorso ponendolo sulla base "filosofica" del fare quello che piace e, visto la tua esperienza (che apprezzo), sei il meno indicato a farlo perche' parli tenendo presente la TUA posizione e quindi ti abbrucia o cul
consigliamo a simone di fare filologia semiotica c'e' sempre bisogno di qualcuno che dia un'ulteriore interpretazione della stele di rosetta o al codice di hammurabi
oppure puo' sempre diventare milionario pubblicando un blog  :sisi:
uagliò gli idraulici servono ora come servivano prima e nons erve una laurea in ingegneria idraulica per aggiustare una lavatrice. allora dicevo se uno deve solo guadagnarsi la pagnotta tantovale considerare anche l'opzione di cominciar a lavorare da subito e fare uno di questi mestieri. avere una popolazioni di ingegneri depressi e insoddisfatti non serve a nessuno.

ci sono migliaia di laureati ma nessuno dice che magari escono con tutti 18 dall'università e hanno copiato a tutti gli esami (anche questo è possibile in italia) e allora quello a cosa serve? tanto vale spendere il proprio tempo in qualcosa di più prolifico da subito e ripeto il concetto: molti si iscrivono all'università per prolungare ill tempo del cazzeggio del liceo e pochi lo fanno con senno di poi, è chist il guaio

ps
sta cosa del mi brucia il culo non l'ho capita: io ho detto che sonos tato obbligato a fare una scelta e non ho mai potuto scegliere. sulla base della mia esperienza dico a raggioniere di scegliere visto che ne ha la possibilità e per questo sono la persona meno adatta a dargli consigli? bah... mi brucia il culo solo perché non ho mai potuto realmente scegliere ma probabilmente se tornassi indietro farei sempre la stessa scelta, ovvero lavoro manuale e non mi interessa assolutamente prendre una laurea.
« Ultima modifica: 28 Giugno, 2012, 12:36:01 pm da acquaLOTA »



Offline acquaLOTA

  • *
  • Registrazione: Lug 2010
  • Post: 12056
  • Località: casoria
  • Sesso: Maschio
  • No To Racism!Balotelli Turkey Lovers
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #51 il: 28 Giugno, 2012, 12:28:57 pm »
niente vorrei solo intervenire per sottolineare che sono i lavoratori che offrono il lavoro dunque c'è da cambiare qualcosa in questa frase se ho capito cosa intendevi dire  :look:
Non è l'offerta che è cambiata ma la domanda.
Stiamo diventando una società di servizi, sono richiesti uomini di scienze.
Secondo me inverti il rapporto causa effetto.



Offline Genny Fenny

  • *
  • Registrazione: Apr 2011
  • Post: 21962
  • Voglia di Partenope
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #52 il: 28 Giugno, 2012, 12:37:03 pm »
niente vorrei solo intervenire per sottolineare che sono i lavoratori che offrono il lavoro dunque c'è da cambiare qualcosa in questa frase se ho capito cosa intendevi dire  :look:

Intendo dire che è cambiata la domanda. Che il progresso tecnologico e il più elevato livello di scolarizzazione richiede conoscenze più tecniche.
Prendiamo un analista business. Probabilmente quindici anni fa non erano richieste le conoscenze informatiche in programmazione e analisi dei progressi statistici che sono richieste adesso. Uno statistico puro ha una preparazione inadeguata.
Questo per non fare il solito esempio dell'umanista.
Io mi rendo conto che è sbagliato dire a cristo "Nun ti iscrivere a storia, pierde o tiempo", è proprio sbagliato sotto tutti i punti di vista. E' mortificante. Però che vulite a me.

Offline dostoieschi

  • *
  • Registrazione: Nov 2010
  • Post: 9835
  • Sesso: Maschio
  • There was nothing to fear. Nothing to doubt.
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #53 il: 28 Giugno, 2012, 12:41:24 pm »
Non è l'offerta che è cambiata ma la domanda.
Stiamo diventando una società di servizi, sono richiesti uomini di scienze.
Secondo me inverti il rapporto causa effetto.

Ma la domanda è distorta, allo stesso modo in cui l'economia è distorta dalla finanza. Una società di servizi non campa di solo terziario, s'affloscia su se stessa, implode.

In questo momento non siamo in grado di assorbire tutti i laureati che produciamo. Il problema riguarda oggi gli umanisti, domani gli scienziati.

Bisogna tornare a "inventarsi" il lavoro, a immaginare e tracciare nuove strade, anche tornando alla manualità o aggirando il sistema-università. Oggi buona parte dei percorsi pre-stabiliti sembrano non condurre da nessuna parte.

Offline Genny Fenny

  • *
  • Registrazione: Apr 2011
  • Post: 21962
  • Voglia di Partenope
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #54 il: 28 Giugno, 2012, 12:43:37 pm »
Ma la domanda è distorta, allo stesso modo in cui l'economia è distorta dalla finanza. Una società di servizi non campa di solo terziario, s'affloscia su se stessa, implode.

In questo momento non siamo in grado di assorbire tutti i laureati che produciamo. Il problema riguarda oggi gli umanisti, domani gli scienziati.

Bisogna tornare a "inventarsi" il lavoro, a immaginare e tracciare nuove strade, anche tornando alla manualità o aggirando il sistema-università. Oggi buona parte dei percorsi pre-stabiliti sembrano non condurre da nessuna parte.

Io ti quoto col sangue, caccio sta menata in ogni discussione della sezione.
Però allo stato attuale le cose purtroppo nun stanno accussì. Da qui il mio pragmatismo arrivista di stampo isab-elliano. Che purtroppo non applico a me stesso.  :look:

Offline Rage

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 5185
  • Località: Derby (UK)
  • Sesso: Maschio
  • raggia
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #55 il: 28 Giugno, 2012, 12:46:18 pm »
Il lavoro c'è per tutti ma non per forza sotto casa... se vi laureate in ingegneria dovete muovervi sempre.

Sono convinto che il ragioniere sarà contentissimo di poter sperare di finire nei suoi amati USA... e con ingegneria aerospaziale ci riesce benissimo.

In bocca al lupo ragioniè.

(Ho ex-colleghi in Sud Africa - Germania - USA ...)
Uà, a leggere a vuje pare quasi che uno deve avere una chiamata dal padreterno vestito da Piero Pelù "Vuaaaaaai a ingegnueeeeria!".   Nella diatriba tifo per Rage che [...] all'epoca della discussione della triennale, jette con il capello scuncecato, l'occhio nickuariano e la barbetta alla Castellitto. Foto che valevano molto più di mille parole su quello che ha passato e sta passanne.  
   :look:

Offline dostoieschi

  • *
  • Registrazione: Nov 2010
  • Post: 9835
  • Sesso: Maschio
  • There was nothing to fear. Nothing to doubt.
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #56 il: 28 Giugno, 2012, 12:57:38 pm »
Io ti quoto col sangue, caccio sta menata in ogni discussione della sezione.
Però allo stato attuale le cose purtroppo nun stanno accussì. Da qui il mio pragmatismo arrivista di stampo isab-elliano. Che purtroppo non applico a me stesso.  :look:

Per quella che è la mia esperienza, bisogna giocarsela con un misto di follia e di feroce pragmatismo. Ma lo dico solo perché questa settimana mi è stato proposto (e ho naturalmente accettato) un lavoro che io considero il più bello del mondo (e in genere sono un eterno insoddisfatto in fatto di carriera), una proposta che non avrei mai ricevuto se non avessi seguito una serie di passioni strambe (la Russia :sbav: :look:) e non avessi cinicamente imparato a legarmi alle persone giuste. Naturalmente, ci vogliono qualità e passione. Altrimenti, meglio cercare ciò che è più richiesto sulla piazza (e non necessariamente è una laurea).

Offline djcarmine

  • *
  • Registrazione: Nov 2009
  • Post: 39235
  • DIABLO VIVE
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #57 il: 28 Giugno, 2012, 13:12:07 pm »
Vi assicuro per esperienza personale che chi crede in quello che studia (si appassiona insomma) perde più tempo di chi fa gli esami per laurearsi ed impiegarsi subito, si impegna eccessivamente profondendo più del necessario perdendo di vista l'obiettivo, che è quello di superare un volgare esame. Superare un esame col massimo dei voti significa  conoscere le domande ricorrenti e saper rispondere solo a quelle.

Quindi se qualcuno vuole fare ingegneria adda sul sgobbà, ma facendo sempre lo stretto necessario... le passioni ecc... lasciamole ad altro...

Va bene quindi intraprendere un percorso universitario solo per faticà.

si mario hai ragione, ma allora qual'è il tuo obbiettivo? laurearti in ingegneria o diventare un ingegnere?
ed io mi sentii in quel momento come una prostituta sverginata dai suoi aguzzini

C. Pazzo 
Noi vinciamo in quanto esistiamo. Vinciamo quando siamo in 60.000 per Napoli-Cittadella e quando ci ricordiamo di Esteban Lopez o di Picchio Varricchio. Vinciamo odiando le strisciate e vivendo in funzione di questa maglia. Vinciamo andando con un paio di amici allo stadio e non guardando la partita in casa da soli in un salotto di Reggio Calabria. Vinciamo quando siamo migliaia ad ogni trasferta, vinciamo quando uno juventino nella nostra città viene additato come essere anormale e malato di scabbia

Offline Dimonios

  • *
  • Registrazione: Lug 2010
  • Post: 20932
  • Località: Solleggiata e ambigua Frosinone buriniana
  • Sesso: Maschio
  • Sto' tutto magnato :look:
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #58 il: 28 Giugno, 2012, 13:50:43 pm »
Si prospetta un futuro di merda per chi non farà l'università :look: grazie :look:
Ah,poi ultimamente ho visto le foto di un ciattone biondo ,che si definiva metallaro,di cui non ricordo il nome,ma anche lui non scherzava in quanto a bruttezza :look:

Offline Joker

  • *
  • Registrazione: Ott 2009
  • Post: 18403
  • Sesso: Maschio
    • Calciomercato Napoli
Re:Ingegneria alla Federico II
« Risposta #59 il: 28 Giugno, 2012, 14:10:31 pm »
Io mi rendo conto che è sbagliato dire a cristo "Nun ti iscrivere a storia, pierde o tiempo", è proprio sbagliato sotto tutti i punti di vista. E' mortificante. Però che vulite a me.

E' mortificante ma è vero.
Ci sono alcune cose che possono essere studiate ed approfondite anche fuori dagli studi.
Sono materie inutili.
Poi, se vogliono fare i professori ....
Caserta la città dove SI A SCIMITA' FOSS BELLEZZ LOR FOSSR TUTT FOTOMODELL. Cittadina triste composta da finti maschi esaltati loro a juve casert a casertan e a regg, e 4 peret arrsagliut che a 15 anni s vesten comm e mamm e 50ann.